23:31 11 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 0°C
    Riunione della Verchovna Rada in Ucraina

    Parlamento ucraino: proposta ripristinare status di potenza nucleare

    © Sputnik. Mikhail Markiv
    Mondo
    URL abbreviato
    9026

    I deputati del “Partito Radicale” hanno proposto di ridare all’Ucraina lo status di potenza nucleare. Il progetto di legge è registrato sul sito ufficiale della Rada Suprema (parlamento ucraino) anche se il testo completo del documento manca ancora.

    I deputati propongono di abolire la legge del 1994 "Sulla ratifica del Trattato di non-proliferazione delle armi nucleari del 1 luglio 1968" e legalizzare le armi nucleari nuovamente in questo paese.

    In precedenza il leader del "Partito Radicale" Oleg Lyashko aveva dichiarato che Kiev ha le basi legislative per ripristinare lo status di potenza nucleare dal momento che, a suo parere, il Memorandum di Budapest non viene rispettato da parte dei paesi firmatari.

    Dopo il collasso dell'URSS sul territorio ucraino era presente un intero arsenale nucleare. Nel 1994 il paese ha firmato il Memorandum di Budapest, secondo il quale Kiev eliminava le armi nucleari ottenendo in cambio una garanzia di sicurezza da parte di Russia, USA e Regno Unito.

    Dopo il colpo di stato del 2014 in Ucraina diverse volte è stato dichiarato di voler ridare al paese lo status di potenza nucleare. Nel frattempo, il primo presidente ucraino Leonid Kravchuk ha detto che se Kiev non avesse rinunciato alle armi nucleari, sarebbe simile a "una scimmia con una granata."

    Correlati:

    Ucraina minaccia di sequestrare nave da carico, passata da un porto in Crimea
    Ucraina, ex parlamentare racconta che fine ha fatto fare Poroshenko ai soldi del FMI
    La NATO promette di continuare a sostenere la difesa dell'Ucraina
    Ucraina, firmato accordo di cooperazione nella difesa con la Polonia
    Tags:
    Ucraina, Politica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, armi nucleari, proposta, Armi, legge, Governo Ucraina, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik