07:22 17 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 8°C
    Ue

    Politologo: l'UE nella quale voleva entrare la Turchia, oggi è in profonda crisi

    © flickr.com/ European Parliament
    Mondo
    URL abbreviato
    0 70

    Il politologo e commentatore Barış Doster in una intervista con Sputnik Türkiye commenta i risultati del sondaggio di Sputnik. L’opinione diffusa tra una buona parte dei paesi europei appare essere la volontà di votare un referendum per l’uscita dall’Unione.

    Secondo Doester, le possibilità e le potenzialità dell'UE, la quale sta vivendo oggi una crisi politica ed economica, si sono significativamente ridotte. Come unione sta perdendo la sua autorità a livello globale e i valori che ha tradizionalmente rappresentato e difeso: il principio democratico, la libertà e il diritto del cittadino e lo stato di diritto hanno ricevuto un duro colpo agli occhi dei cittadini europei. La fiducia della popolazione nei confronti dell'Unione Europea è compromessa.

    "Come vediamo l'Europa è stata duramente colpita dalla crisi del 2008. Oltre a questo l'Europa teme allo stesso tempo la crisi politica. L'Unione Europea perde giornalmente a livello mondiale sempre di più la sua capacità di persuasione, di influenza e la tradizionale fiducia nelle sue istituzioni. Simboli di questo indebolimento sono le questioni creatisi con la Russia, la Crimea, l'Ucraina, la "Primavera Araba" e la guerra civile in Siria. Inoltre, la gente oramai non crede più nei valori della democrazia, dei diritti umani, dello stato di diritto, dell'indipendenza politica e della libertà di stampa, valori tradizionalmente simboleggiati e sostenuti dall'UE.

    Come è accaduto tutto questo? L'imperialismo degli Stati Uniti utilizza questi valori per i suoi fini, portando invece occupazioni militari, violenza e barbarie, come le operazioni militari USA in Iraq e Afghanistan le quali hanno cercato di far passare come interventi umanitari e "trionfo della democrazia". Agli occhi dei cittadini europei questi eventi hanno iniziato a perdere di significato. Inoltre l'indebolimento economico, politico, diplomatico e militare degli USA dimostra che questi ultimi non sono più in grado di mantenere in piedi il proprio alleato principale in politica estera ovvero l'UE. Se si mettono in conto tutte queste problematiche ci si rende conto che la fiducia nei confronti dell'UE e nella sua costituzione è oramai compromessa".

    "Dopo la decisione del Parlamento europeo di sospendere i negoziati per l'integrazione della Turchia, Ankara dovrà uscire dall'unione doganale dell'UE e dovrà proseguire i contatti con l'Europa sulla base di relazioni pari nel quadro di accordi multilaterali".

    Correlati:

    Economia, Giappone, USA e UE contro la Cina per non restare indietro
    Yildirim: la pazienza della Turchia verso l’UE sta per finire
    Germania, la posizione di Merkel e governo sulla Turchia in UE è sempre uguale
    Tags:
    crisi, euro, crisi, democrazia, Economia, crisi economica, Crisi dell'UE, Parlamento Europeo, Europarlamento, Unione Europea, Unione Europea, UE, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik