21:15 25 Giugno 2018
Capo di Stato Maggiore ucraino Viktor Muzhenko (al centro) con il leader di Pravy Sektor Dmytro Yarosh (a sinistra)

Allarmismo dallo Stato Maggiore ucraino: “Russia ci può attaccare da tutte le parti”

© Foto : MoD of Ukraine
Mondo
URL abbreviato
16037

La minaccia della Russia contro Kiev proviene “da tutte le parti”, non solo dal Donbass, ha dichiarato il capo di Stato Maggiore ucraino, il generale Viktor Muzhenko, in un'intervista con l'agenzia Ukrinform.

Secondo il generale, "l'Ucraina corre rischi dappertutto, ovunque ci siano truppe russe." L'Ucraina potrebbe aspettarsi un attacco "da nord, da ovest e da sud," l'agenzia riporta le parole di Muzhenko.

Il generale ha riferito che in Ucraina si stanno formando le unità di difesa del territorio. Kiev le considera una "buona pratica", in particolare l'esperienza dei Paesi Baltici, riferisce Ukrinform.

In precedenza il presidente ucraino Poroshenko ha affermato convinto che le esercitazioni missilistiche vicino la Crimea hanno portato entusiasmo e unità tra i cittadini ucraini. A sua volta il ministero degli Esteri russo aveva definito le manovre una provocazione con l'obiettivo di cercare una reazione dura di Mosca.

I politici ucraini e occidentali accusano Mosca di essere coinvolta nel conflitto in corso nel Donbass. Dal Cremlino hanno sempre smentito questa tesi, affermando che in Ucraina orientale non ci sono militari russi e che secondo gli accordi di Minsk la Russia non è considerata una parte del conflitto interno ucraino.

Correlati:

Poroshenko rileva “l'entusiasmo” degli ucraini nel lancio di missili vicino la Crimea
Flotta russa del Mar Nero in allerta nel corso dell’esercitazione missilistica in Ucraina
Poroshenko teme del cambiamento politico in USA
Repubblica Popolare Donetsk: militari usano armi pesanti in Donbass
Ex presidente Yanukovych spiega perchè Kiev parla di “truppe russe” nel Donbass
Tags:
Russofobia, Difesa, Sicurezza, esercito ucraino, Viktor Muzhenko, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik