20:21 17 Febbraio 2018
Roma+ 12°C
Mosca-5°C
    Polizia tedesca

    Germania, arrestato migrante sospettato di aver stuprato e ucciso figlia funzionario UE

    © REUTERS/ Wolfgang Rattay
    Mondo
    URL abbreviato
    10111

    In Germania è stato arrestato un migrante 17enne afghano, con l'accusa di aver stuprato e poi ucciso la figlia di un alto funzionario della Commissione europea, riporta il Daily Telegraph.

    Ad ottobre Maria, figlia del funzionario europeo Clemens Ladenburger, è stata trovata morta a Friburgo. E' stata violentata e uccisa poco dopo aver lasciato una festa tra studenti. L'omicida aveva poi occultato il cadavere nel fiume, si afferma nell'articolo.

    La ragazza studiava medicina all'università e nel suo tempo libero lavorava come volontaria in un centro d'accoglienza per profughi.

    Secondo il giornale, sul posto dove è stato rinvenuto il corpo della studentessa le forze dell'ordine hanno trovato una ciocca di capelli in parte colorati. L'analisi del Dna e il controllo nel database non hanno portato risultati. Ad un certo punto gli investigatori, studiando le registrazioni delle telecamere di sorveglianza di uno dei tram, hanno notato un migrante con un'acconciatura insolita: i suoi capelli erano in parte tinti di biondo. Poco dopo il giovane è stato arrestato.

    La polizia ha ora ricostruito che Maria Ladenburger conosceva il suo assassino e il suo assassinio era stato pianificato in anticipo.

    Il processo contro il sospetto 17enne inizierà il prossimo anno.

    L'Europa sta vivendo la crisi migratoria più grave dal dopoguerra. Nel 2015 solo la Germania ha accolto un milione di migranti provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente.

    Correlati:

    A Colonia arriva il primo arresto per le molestie sessuali di Capodanno
    Carnevale, altre donne molestate a Colonia
    Gli aggressori di Colonia hanno detto di essere stati invitati dalla Merkel
    Tags:
    Criminalità, Società, Omicidio, Stupri, Scandalo, Commissione Europea, Unione Europea, UE, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik