15:50 16 Dicembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 4°C
    Rovine di Palmira

    Direttore Ermitage: necessaria nuova fase di collaborazione per il restauro di Palmira

    © Sputnik. Mikhail Voskresenskiy
    Mondo
    URL abbreviato
    0 41

    E’ necessario determinare le tappe successive della cooperazione tra le organizzazioni internazionali, come l’Interpol, per quanto riguarda il restauro dei monumenti distrutti dai terroristi nella città di Palmira in Siria, ha dichiarato il direttore generale dell’Ermitage Michail Piotrovskij.

    Parlando nel corso della riunione congiunta del consiglio di presidenza per la cultura e l'arte e il consiglio di presidenza della lingua russa, Piotrovskij ha ricordato che esattamente un anno fa al forum culturale invitò ad usare la forza per la protezione dei monumenti. Dopo pochi mesi Palmira è stata liberata.

    "Da quel momento, le nostre istituzioni scientifiche e culturali, in condizioni difficili, hanno condotto la prima indagine realizzando una mappatura tridimensionale completa di Palmyra. Adesso è necessario stabilire quale sarà il prossimo passo di cooperazione tra Siria, Unesco, Interpol, le organizzazioni internazionali e i colleghi da tutto il mondo", ha dichiarato Piotrovskij.

    Specialisti russi all'inizio di luglio si sono recati al sito archeologico di Palmira in Siria e hanno preparato un resoconto della condizione delle rovine e hanno stimato i costi di restauro dei monumenti distrutti dai terroristi. Tra gli specialisti c'erano rappresentanti del Ministero della cultura, del museo nazionale dei Popoli Orientali, dell'Ermitage, del Centro Panrusso di restauro I.Grabarya e dell'istituto di archeologia RAN.

    Le antiche rovine di Palmira sono uno dei sei siti del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO presenti in Siria. La città era uno dei più ricchi centri della civiltà antica, è stata occupata dall'organizzazione terroristica Daesh a partire da metà maggio 2015. Durante l'occupazione i militanti dello Stato Islamico hanno fatto saltare in aria il famoso Arco di Trionfo con un colonnato, il tempio di Baalshamina del II secolo e il santuario della divinità suprema semitica Bela. Inoltre è stato saccheggiato il museo nazionale e la necropoli di Palmira comprese le famose tombe a colonna dei patrizi.

    Correlati:

    Siria, raid russi uccidono 250 terroristi vicino a Palmira
    "Il concerto di Palmira è la risposta alle illazioni USA sulla sua liberazione"
    A Palmira arrivata delegazione dei rappresentanti permanenti dell'UNESCO
    Tags:
    Cultura, beni culturali, Palmira, cultura, Monumento, Restauro, Il Ministero di Cultura, Palmira, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik