08:59 08 Dicembre 2016
    Testata nucleare

    Russia ridurrà proprio arsenale nucleare solo con passi USA nella giusta direzione

    © AP Photo/ Charlie Riedel
    Mondo
    URL abbreviato
    61184201

    L'ulteriore riduzione del potenziale nucleare, come indicato nella nuova concezione della politica estera della Russia, sarà possibile solo in presenza di passi incontro di USA e dei suoi alleati della NATO considerati potenze nucleari come Francia e Regno Unito, ritiene il direttore della rivista "Difesa Nazionale" Igor Korotchenko.

    Ieri il presidente Vladimir Putin ha firmato il decreto che sancisce le nuove linee guida della politica estera russa; in particolare si legge che la Russia "conferma la propria disponibilità a discutere gradualmente la questione dell'ulteriore riduzione del potenziale nucleare sulla base della crescente importanza data a questo processo di carattere multilaterale."

    "La Russia sarà disposta a negoziati pratici per ridurre il suo arsenale nucleare solo in presenza di 3 condizioni imprescindibili. La prima condizione è il completo ritiro delle armi nucleari tattiche americane dall'Europa verso il continente americano," — ha detto Korotchenko.

    La seconda condizione, secondo l'esperto, è il coinvolgimento nel processo di riduzione di questo tipo di armi nucleari dei due alleati chiave degli Stati Uniti nella NATO considerati potenze nucleare come la Gran Bretagna e la Francia.

    "Durante i negoziati da una parte del tavolo ci deve essere delegazione russa, dall'altra i rappresentanti delle 3 potenze nucleari occidentali: Francia, USA e Regno Unito. Il potenziale nucleare di questi 3 Paesi deve misurarsi complessivamente con quello russo", — ha osservato l'interlocutore dell'agenzia.

    Ha aggiunto che la terza condizione per proseguire i negoziati per la riduzione degli arsenali nucleari è l'introduzione di documenti legislativi vincolanti che regolano le attività del sistema globale di difesa missilistica degli Stati Uniti. Vale per il segmento europeo di difesa missilistica, così come per il segmento marittimo della difesa missilistica americana in prossimità delle acque che circondano il territorio della Russia.

    "Ci deve essere un qualche tipo di accordo che regoli la collocazione e il funzionamento degli elementi della difesa missilistica degli Stati Uniti a livello terrestre e marino potenzialmente pericolosi per le attività delle forze nucleari strategiche della Russia", — ha dichiarato Kortochenko.

    Inoltre dovrebbero essere previste le procedure di controllo per la verifica da parte degli esperti militari russi delle postazioni missilistiche nelle strutture di difesa in Polonia e Romania. Questo per il fatto che le postazioni per il lancio dei missili Mk-41, utilizzate nel segmento europeo del sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti, possono essere armate sia con missili intercettori che con testate nucleati d'attacco.

    "Queste postazioni possono essere utilizzate non solo per l'intercettazione dei missili, ma anche per attaccare bersagli a terra e considerando il loro raggio di azione sarebbe una violazione diretta dell'attuale accordo sul Trattato INF (divieto di schieramento dei missili e corto e medio raggio in Europa)", — ha evidenziato l'esperto.

    Inoltre, non ha escluso che le nuove versioni dei missili intercettori SM-3, che entreranno in servizio dopo il 2020, potranno essere equipaggiati con una testata nucleare e potranno essere d'attacco oltre ad adempiere il compito di difesa missilistica.

    Correlati:

    Russia risponderà adeguatamente alle nuove bombe nell'arsenale USA in Europa
    “Nessuna guerra, superiorità armi nucleari Russia su arsenale atomico USA garanzia pace”
    Leontiev: disarmo nucleare deve valere per tutte le potenze atomiche
    Obama rimprovera alla Russia "mancanza di interesse" per il disarmo nucleare
    Russia è pronta a discutere di disarmo nucleare
    Tags:
    Difesa antimissile, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, armi nucleari, disarmo nucleare, Trattato INF, Gran Bretagna, Europa, Francia, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Nicola
      Condizioni che non sono all'ordine del giorno per gli americani ed i loro lacchè, quindi tutto come prima.
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Donald Trump

      Il Wall Street Journal vede come futuro Segretario di Stato USA, il Cavaliere dell’odine russo dell’Amicizia e dirigente di Exxon Mobil Rex Tillerson. Come segnala la testata, egli ha sempre collaborato con successo con Vladimir Putin ed è schierato apertamente contro le sanzioni alla Russia.

      4777
    • Militari dell'esercito della Libia

      All’insaputa del pubblico a fine novembre si è recato a Mosca il comandante dell’apparato militare libico Khalifa Belqasim Haftar dove è stato ricevuto dal ministero degli Esteri, dal ministero della Difesa e dal Consiglio di sicurezza.

      51404
    • Un venditore al mercato Berkat di Grozny

      - 70%, non è una percentuale di voto, ma quella del calo dell'export italiano in Russia negli ultimi tre anni. Dati di Ernesto Ferlenghi, presidente di Confindustria Russia, che ora lancia la nuova sfida: restare competitivi cogliendo le opportunità offerte dall'Unione Euroasiatica.

      91737
    • Referendum costituzionale in Italia

      Si discettava, prima del voto, su chi sarebbe stato il vero vincitore del referendum qualora avesse vinto il “no”. Ebbene, tutti i partiti, e nessuno, hanno vinto perché il fronte degli oppositori alla riforma è stato così numeroso e variegato che chiunque voglia intestarsi il successo commette un atto di appropriazione indebita.

      81312
    • Vladimir Putin

      Mi piacerebbe viaggiare per il mondo, ha detto il presidente Vladimir Putin nel corso di una visita ad una fonderia a Chelyabinsk. La domanda è stata rivolta a Putin da uno degli operai.

      323554
    • Per Renzi, se questa legge elettorale non passa è l'idea stessa di Pd come motore del cambiamento dell'Italia che viene meno”.

      Si respira un’euforia trasversale nel fronte del No, dopo la schiacciante vittoria riportata nel referendum del 4 dicembre.

      374696