09:31 05 Dicembre 2016
    Ankara, Turchia

    Ex ambasciatore turco: senza Assad impossibile risolvere la crisi in Siria

    © flickr.com/ Jorge Franganillo
    Mondo
    URL abbreviato
    2439130

    L’ex ambasciatore della Turchia in Iraq Unal Cevikoz ha commentato per Sputnik la politica siriana di Ankara alla luce delle ultime dichiarazioni di Recep Tayyp Erdogan sul rovesciamento di Bashar al-Assad.

    "Tra gli obiettivi che Ankara si era posta all'inizio dell'operazione in Siria e la loro attuale realizzazione c'è una grossa differenza. Sia dal punto di vista militare sia da quello politico l'operazione turca in Siria non era stata formulata con chiarezza… L'operazione Euphrates Shield era iniziata per contrastare l'ISIS sulla frontiera nazionale, poi l'obiettivo è diventato la formazione di un corridoio nel nord della Siria e ripulire la città di Manbij dai curdi siriani. Adesso Erdogan dice che è contro Assad. Intanto la Turchia deve capire che normalizzare la disperata situazione siriana senza Assad è impossibile", ha detto Cevikoz.

    In precedenza Erdogan aveva dichiarato che le forze armate turche hanno avviato l'operazione militare in Siria con l'intento di porre fine al governo di Assad.

     

    Correlati:

    Telefonata tra Putin ed Erdogan: discussa posizione della Turchia sulla Siria
    Le intenzioni di Erdogan in Siria preoccupano la Russia
    Esercito turco in Siria per deporre Assad: parole di Erdogan creano imbarazzo ad Ankara
    Mosca pretende spiegazioni da Erdogan per la dichiarazione sul rovesciamento di Assad
    Tags:
    normalizzazione, soluzione, operazione militare, crisi, Situazione in Siria, Lotta al terrorismo, Bashar al-Assad, Siria, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • francescoslossel
      che Erdogan si trovi tra l'incudine ed il martello credo lo abbiano capito in tanti, da un lato la Nato che lo punzecchia, tra l'altro, l'innegabile verità, è poco facile districarsi...
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15676
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3766
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222538