09:33 05 Dicembre 2016
    Primo ministro della Turchia Binali Yildirim

    Yildirim: la pazienza della Turchia verso l’UE sta per finire

    © AP Photo/ Uncredited
    Mondo
    URL abbreviato
    486071

    La Turchia non è obbligata a difendere l’Europa dalle minacce regionali. Lo ha dichiarato il primo ministro turco Binali Yildirim, citato dall’agenzia turca Anadolu.

    "La Turchia è il principale garante della sicurezza dell'Europa di fronte alle minacce regionali. Se per i prossimi cinque o sei anni la Turchia non contrastasse le minacce regionali l'Europa sarebbe impotente di fronte a loro. Ma la nostra pazienza ha un limite. Non siamo obbligati a difendere sempre l'Europa", ha detto Yildirim intervenendo alla seduta del consiglio dell'associazione degli industriali e imprenditori turchi ad Ankara.

    Il premier turco ha anche evidenziato la crescita della xenofobia e dell'islamofobia in Europa.

    "In Europa è in crescita il razzismo, le forze di destra stanno rafforzando le loro posizioni. Nel 2017 in cinque paesi europei si terranno le elezioni. Ciò testimonia che c'è incertezza", ha aggiunto Yildirim.

    Correlati:

    Germania, la posizione di Merkel e governo sulla Turchia in UE è sempre uguale
    Stop a negoziati Turchia-UE, furia Erdogan: “aprirò le frontiere ai profughi”
    Turchia, la lotta al terrorismo andrà avanti nonostante la risoluzione Ue
    Tags:
    difesa, Minacce, razzismo, Sicurezza, Situazione in Turchia, Binali Yildirim, Turchia, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Pompili
      Ecco, in questo momento l'entrata della Turchia servirebbe a mettere il "cappello" islamico su quest'Europa di smidollati.
      Ma...non avrebbe guardato ad est?
      Saluti
      Marco
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15683
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540