20:53 02 Dicembre 2016
    Cremlino

    NYT: l’Europa cambia rotta e punta al riavvicinamento con la Russia

    © Sputnik. Natalia Seliverstova
    Mondo
    URL abbreviato
    61263290

    La vittoria di François Fillon nelle primarie del centro-destra in Francia dimostra che l'Europa si sta lanciando al riavvicinamento con la Russia. Lo scrive il New York Times.

    Il successo di François Fillon, favorevole all'abolizione delle sanzioni contro la Russia e alla cooperazione con Mosca nella lotta al terrorismo e all'immigrazione clandestina, è in linea con il risultato sensazionale del referendum nel Regno Unito per uscire dall'UE e la vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane. Tutto questo, secondo il politologo James Goldgeier, segna un "grande cambiamento" nella politica occidentale nei confronti della Russia.

    "Attualmente tutti i trend indicano l'abbandono dalla linea contro la Russia e l'accettazione del fatto che la Russia abbia una propria sfera di influenza", ha affermato Goldgeier.

    Oggi che l'influenza della Russia sulla scena internazionale è in crescita nella regione europea, scrive il NYT, ci sono tre alternative. Si può continuare ad aderire alla linea dura contro Mosca, sostenere apertamente la Russia o ammettere il cambiamento nell'equilibrio delle forze mondiali, che, secondo Goldgeier, può portare alla cancellazione delle sanzioni e al riconoscimento del ruolo della Russia nella risoluzione del conflitto siriano. Negli ultimi anni l'Europa ha seguito il primo approccio, ma ora, dopo la Brexit e Trump, la continuazione di questa politica è quasi impossibile.

    Correlati:

    Russia, difesa aerea rafforzata come contromisura dei missili americani in Europa
    Un’Europa più unita alla Russia per “salvarsi” dalla Cina
    Francia, Le Pen: penso ad una nuova Europa in stretti rapporti con la Russia
    Tags:
    brexit, tendenza, equilibrio, politica, Francois Fillon, Donald Trump, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Nicola
      Il nulla rantola alla ricerca di se stessa come Diogene Laerzio.
    • Mondobipolare
      IL Riavvicinamento riuscira´solo se si levano di torno la Merkel ed il suo clan . La Merkel negli anni ha potuto creare il suo centro di potere rifacendosi ai vecchi amici del Patto di Varsavia . Oggi puo´contare su Tusk e su altri che si muovono a comando . La galassia Merkel ha fatto molta strada e tutto a scapito dell´UNione . Ho letto il libro della Getrude Öhlert , DIE PATIN , un libro che consiglio di leggere e dopo averlo letto paragonare tutte le mosse politiche della Cancelliera , dall´ucraina alla Grecia alla Siria fino ad Erdogan . IN tutti questi passaggi abbiamo potuto registrare metodi che ci riportano a quelli della Stasi . In Ucraina hanno mosso tutti i mezzi della propaganda , una guerra lampo mediatica che con la legittimazione a mezzo stampa della violenza di piazza , hanno costretto il Presidente legittimo a dover fuggire . Dopo hanno spento i riflettori e i morti del Donbass non hanno un nome perche´per l´occidente non esistono .
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41081
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4426
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71018
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1614
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121515
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631