20:53 02 Dicembre 2016
    Aleppo, Siria

    FT: l’opposizione siriana tratta con Mosca escludendo gli USA

    © Sputnik. Michael Alaeddin
    Mondo
    URL abbreviato
    51141260

    I rappresentanti di molti gruppi d’opposizione siriani hanno condotto negoziati segreti con Mosca, attraverso l’intermediazione della Turchia e finalizzati alla cessazione del conflitto armato ad Aleppo. Lo riferisce il Financial Times.

    Stando al FT, la sede di queste trattative sarebbe Ankara e sono concentrati su come raggiungere un accordo che ponga fine al conflitto ad Aleppo. Non solo. La preferenza di Mosca dimostra la perdita d'influenza nel Medio Oriente degli USA.

    "Russi e turchi stanno conducendo le trattative senza la partecipazione degli Stati Uniti. Washington è completamente esclusa da questi negoziati; non è nemmeno a conoscenza di ciò che sta accadendo ad Ankara", si legge nell'articolo che riporta la dichiarazione di uno dei rappresentanti dell'opposizione.

    Come ricorda il FT, questa non è la prima volta che i rappresentanti dell'opposizione siriana trattano con la Russia. Tuttavia non erano mai stati coinvolti tanti gruppi d'opposizione in questi negoziati, il che indica che stavolta si potrebbe concludere un accordo.

    Probabilmente i negoziati non porteranno grandi progressi, sostiene la pubblicazione. Ma l'assenza degli USA rivela un cambiamento delle "dinamiche politiche in Medio Oriente".

    Per Washington le conseguenze di tali negoziati vanno oltre la Siria. Secondo Emile Hokayem dell'International Institute for Strategic Studies, tutto questo porterà alla perdita dell'influenza degli USA nella regione. L'esperto ha criticato la strategia americana nel conflitto siriano, notando che si è tradotto in una perdita di influenza in Medio Oriente e che in diversi casi ha spinto le potenze regionali verso la Russia.

    Correlati:

    Le intenzioni di Erdogan in Siria preoccupano la Russia
    Telefonata tra Putin ed Erdogan: discussa posizione della Turchia sulla Siria
    Esercito turco in Siria per deporre Assad: parole di Erdogan creano imbarazzo ad Ankara
    Tags:
    tregua, Conflitto, influenza, Opposizione siriana, Trattative, Situazione in Siria, Medio Oriente, USA, Turchia, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • sky
      guardando la foto ci si domanda e si spera se coloro, mandanti ed esecutori, che hanno programmato distruzioni ed uccisioni di tanta gente la pagheranno in termini giudiziari con il massimo delle pene. Saluti.
    • francescoslossel
      sì, direi che anche l'opposizione stà facendo due conti e le promesse da marinaio non tornano...
    • giovanni
      Dialoghi e scambi d· opinioni che non portano da nessuna parte, l· opposizione terrorista antigovernativa siriana deve sventolare bandiera bianca e ritirarsi dalle palle!
    • giovanni
      Troppo tempo per pubblicare o censurare un commento ,il sistema non funziona cosi·, il forum non avra· piu· vita ,pensatevelo bene redazione!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41083
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4426
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71018
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1614
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121515
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631