09:31 05 Dicembre 2016
    Ministro degli Esteri dell'Iraq Ibrahim al-Jaafari

    Iraq, al-Jaafari: confidiamo nel riavvicinamento tra Russia e USA

    © AP Photo/ Khalid al-Mousily/Pool
    Mondo
    URL abbreviato
    117480

    Qualsiasi possibilità di riavvicinamento tra Russia e USA dopo l’elezione di Donald Trump sarà accolta con entusiasmo. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri iracheno Ibrahim al-Jaafari in un’intervista a La Stampa.

    "Speriamo che la presidenza Trump sia caratterizzata da uno sforzo ancora maggiore nel combattere ed eliminare il terrorismo globale. Ogni riavvicinamento fra America e Russia è il benvenuto e ci conforta", ha detto al-Jaafari.

    Egli ha detto di contare anche sul fatto che gli alleati dell'Iraq, in particolare gli USA e l'Iran, continueranno a dare il loro sostegno nella ricostruzione e stabilizzazione del paese dopo la vittoria sul terrorismo.

    "Siamo aperti, pronti a mantenere le nostre relazioni con ogni Paese che rispetta i nostri interessi e gli interessi del nostro popolo. In questo quadro, Iran e Usa erano e sono ancora alleati importanti e protagonisti nella lotta al terrorismo", ha sottolineato.

    Parlando della lotta contro l'ISIS, al-Jaffari si è detto convinto di essere ormai all'epilogo della battaglia e vicini ad "espellerlo" dall'Iraq. Le perdite territoriali dimostrano tutta la sua debolezza e il collasso in corso.

    Correlati:

    Lamberto Dini confida in Trump per la ricostruzione delle relazioni USA-Russia
    Time: il successo di Trump sarà il ripristino delle relazioni Usa-Russia
    La Cina spera nello sviluppo stabile nelle relazioni con gli USA di Trump
    Tags:
    relazioni, stabilità, Ricostruzione, Cooperazione, Sicurezza, terrorismo, relazioni Usa-Russia, Lotta al terrorismo, ISIS, Ibrahim al-Jaafari, Donald Trump, Iraq, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15676
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3766
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222538