09:33 05 Dicembre 2016
    Il Ministero degli Esteri russo

    I missili di Kiev contro la Crimea sono una provocazione contro la Russia

    © Sputnik. Viktor Tolochko
    Mondo
    URL abbreviato
    141327510

    Il ministero degli Esteri russo ha definito provocatorio il piano di Kiev di lanciare missili vicino alla Crimea e tendente all’ascalation della tensione nelle relazioni con Mosca.

    Kiev intende lanciare alcuni missili nei pressi del confine con la Crimea tra l'1 e il 2 dicembre. Inoltre, ieri sera sono stati diramati diversi avvisi urgenti per l'aeronautica che indicano l'istituzione di zone pericolose per il volo sul Mar Nero, la Crimea e le acque territoriali russe limitrofe.

    L'Agenzia federale russa del trasporto aereo (Rosaviatsiya) ha dichiarato che il piano di Kiev viola tutti gli accordi internazionali e costituisce un serio pericolo per l'aviazione civile. La Rosaviatsiya ha tuttavia sottolineato che i voli sulla Crimea non sono a rischio pertanto il suo spazio aereo rimarrà aperto al traffico.

    Correlati:

    Russia, Putin è a conoscenza dei piani di Kiev di lanciare missili in Crimea
    Russia, Non abbiamo ricevuto risposte da Ucraina su esercitazione missili sulla Crimea
    Kiev non vede nessuna possibilità di restituzione della Crimea nei prossimi 5 anni
    Ucraina prepara lanci di missili vicino la Crimea: proteste da Mosca
    Tags:
    pericolo, voli, Provocazioni, tensione, Missili, Crimea, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • giovanni
      Questa volta un azzardo che se dovesse trasformarsi in tragedia ,la pagherebbero cara!Queste puttane dirigenziali ucraine con in testa Il porco -scenko presidente ,lo stesso non farebbe in tempo a lasciare il paese con il valigione gia· pronto da tanto tempo incolume !
    • Flanker
      I soldi del FMI sono i soldi dei contribuenti europei!!!
      Il nulandistan gli spende tutti in corruzione e armi per l'operazioncina barbarossa nel Donbas!!!! Se stanno avendo reazioni cosi invasate è perchè i neonazi stanno alla frutta!!!!!
      Sanno di aver perso ogni credibilità e quando cambierà il vento in europa per loro sarà la fine!!!!!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15686
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4960
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540