09:32 05 Dicembre 2016
    Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk

    Ue-Nato: incontro Juncker, Tusk e Stoltenberg

    © REUTERS/ Yves Herman
    Mondo
    URL abbreviato
    952608

    Prevista la discussione riguardo alla cooperazione militare e difesa.

    Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si incontrerà oggi a Bruxelles con il suo omologo del Consiglio europeo Donald Tusk e con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, per discutere della cooperazione militare e sulla difesa Ue-Nato.

    I funzionari si vedranno per un pranzo di lavoro alle 13 secondo il programma di Tusk, pubblicato sul sito web del Consiglio europeo.

    Durante l'ultimo vertice dell'Alleanza Atlantica, avvenuto a Varsavia lo scorso luglio, i due blocchi hanno riaffermato il loro impegno per la cooperazione militare e per contrastare le "minacce ibride".

    Correlati:

    Dalle Marche appello a Putin e Juncker: basta sanzioni
    Usa 2016, Tusk e Juncker: Solo cooperando Ue e Usa continueranno a fare la differenza
    Il piano Juncker per un esercito comune UE manda in panico Polonia e Paesi Baltici
    Incontro Juncker-Obama a Varsavia, UE ed USA unite sulle relazioni con la Russia
    Ue-Russia, Tusk: siamo disponibili al dialogo con Mosca
    Tusk spera in riforma della UE prima del vertice a Roma di marzo 2017
    Stoltenberg invita la Russia a rassegnarsi sull'espansione della NATO
    NATO, Stoltenberg: “rafforzamento in Europa orientale serve per evitare guerra”
    Stoltenberg: bisogna contrastare “la propaganda russa”
    Tags:
    Difesa, Cooperazione militare, Cooperazione, NATO, Consiglio Europeo, Commissione Europea, Jens Stoltenberg, Jean-Claude Juncker, Donald Tusk, NATO, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • msan.mr
      Questo signore non si può permettere di occupare tutto lo spazio con le sue esternazioni.

      Per favore "bannatelo", perchè al dilà delle sue ragioni che condivido solo nel suo sentire ma non nelle motivazioni che non conosco, dalla parte opposta, perchè regolarmente censurato da tutti i giornali di regime, senza neanche poterlo pubblicamente denunciare, quello che ci differenzia è il comportamento.

      Se non si sente ospite gradito di Sputnik, e lo ripeto questo avviene regolarmente con i media che lui certamente condivide, ringrazi comunque il giornale che diversamente dagli altri, gli permette comunque le sue denunce.

      Ma che queste assumano le dimensioni di una "campagna politica" mi sembra veramente intollerabile, anche perchè va deliberatamente ad intasare gli spazi aperti agli altri commentatori da Sputnik, facendo loro quella violenza che lui oppone al giornale.

      Altri commentatori hanno "ossessionato" per almeno un anno questo spazio pubblico, con le loro esternazioni, però sempre civili, ancorchè come minimo capziose, e l'editore non le ha mai impedite evidentemente.

      Lo stile di questo signore dimostra un evidente esuberante eccesso di oppositività ideologica, ed io ritengo diversamente da lui, che Sputnik sia fin troppo tollerante di un atteggiamento arrogante ed effrattivo con l'evidente intenzione di turbativa del libero accesso alle idee e al dialogo che da sempre, e non solo "in famiglia" circolano su questo sito!

      Bannate, per favore, questo "incivile"! per la tutela del diritto di spazio di opinione di tutti coloro che non la pensano come lui vorrebbe!
    • giovanni
      gepelimora, sei vomitevole e ripugnante sia come servo che come pseudoumano ..........rappresenti la vergogna criminale e l· ipocrisia del tuo regime che servi come troll! Guarda i tuoi padroni in fotografia , superciuck, il servo Tusk, e lo Stronzerberg di turno della Nato ,il braccio armato criminale dei neocons-.anglosionisti nordamericani ........sono patetici e viscidi come la loro scellerata e assassina politica di predatori sociali.....cambia lavoro ,puoi redimerti ,sei ancora in tempo !
    • lothario

      Juncker - Tusk - Stoltenberg: una vera "tempesta di cervelli".
      La coperta sionista si fa sempre più corta.
      Con il carrozzone americano indisponibile per l'avvento di Trump, si tratterà ora di mettere le mani nelle tasche degli europei, per "mettere al sicuro" la fortezza ashkenazita anglo-belga in nordeuropa, costruendo tra essa e la Russia una muraglia medioevale in Polonia e nel Baltico concepita con la stessa barbarica visione del califfato dell'Isis, baluardo sunnita eretto tra Israele e l'Iran.
      I sionisti, però, non hanno calcolato che gli europei ne hanno le tasche PIENE di loro, e del loro parassitismo criminale e guerrafondaio, oltre ad averle VUOTE di danaro dopo le ultime esiziali crisi economiche: il capitalismo turbofinanziario si è fagocitato da solo, divorando la sua stessa base produttiva, impoverendo ed indebolendo il terreno su cui era prosperato, e scavandosi la fossa sotto i piedi; l'Uccidente sionista è pronto per il SUO funerale.
    • msan.mr
      Bannate questo "barbaro"! Dal comportamento si evince il suo livello di inciviltà e dunque il non rispetto delle regole poste in questo parimenti che in tutti gli altri spazi-commento, ispirate alla garanzia della opportunità del dialogo.

      Le sue esternazioni e la PRODITORIA invasività eccedono la libertà di tutti noi commentatori di esprimerci liberamente e nel rispetto delle regole, saturando oltremisura i giusti spazi di espressione.

      Dunque la effrazione che questo individuo manifesta chiaramente, non è alle idee, ma alla violazione degli spazi altrui di libertà di espressione attraverso la reiterazione ossessiva, volutamente seriale, di proclami ed esternazioni reiterati che tracimano la giusta proporzione di una personale protesta!
    • giovanniIn risposta lothario(Mostra commentoNascondi commento)
      lothario, bel commento ,razionale e lungimirante ,condivido al 100%.La nuova cortina di ferro battera· bandiera di SION. L· Europa orientale formata dagli ex peesi cuscinetto dell· antica Unione Sovietica ,sara· il nuovo Golem che sostituira· per il momento quello nordamericano spremuto a dovere nell· arco dei decenni! A COSTO DI SACRIFICARE INTERI PAESI DELLA ZONA UE , LI UTILIZZARANNO COME TESTA D· ARIETE PER SFONDARE LA MURAGLIA RUSSA! Ma non hanno fatto i conti come tu dici con le popolazioni locali insofferenti e ridotte all· estremo ,quest· ultime saranno i loro stessi contro opponenti del regime strisciante occidentale che dirigono!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15682
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61279
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540