09:31 05 Dicembre 2016
    Sede Commissione europea

    L’UE ha in cantiere la creazione di un progetto multimiliardario per la difesa

    © Foto: Stuart Chalmers
    Mondo
    URL abbreviato
    7821023

    La Commissione europea domani proporrà il progetto multimiliardario del Fondo europeo per la difesa. Lo riporta il quotidiano Financial Times.

    Il FT riferisce che il piano prevede un forte aumento della spesa per la sicurezza informatica, investimenti nella costruzione di navi militari e nella ricerca nel campo dei velivoli senza pilota.

    Nel progetto, che presenterà il vice presidente della Commissione europea Jyrki Katainen, si parla anche dell'ulteriore standardizzazione delle attrezzature militari e l'uso di programmi spaziali per la sicurezza e la difesa.

    La pubblicazione collega il rafforzamento militare del bilancio dell'Ue con le dichiarazioni del presidente eletto degli Usa Donald Trump in cui richiedeva agli alleati europei l'aumento della spesa militare. Tuttavia, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker aveva promesso di presentare un piano per la creazione di un fondo di difesa europea già alla fine di settembre, prima delle elezioni presidenziali americane.

    Correlati:

    Juncker: Russia alla pari di Ue, Obama sbaglia a definirla ‘potenza regionale’
    Russia, Di Maio:Sanzioni Usa e Ue ostacolano il rafforzamento della sicurezza in Occidente
    La Svezia rafforza la sicurezza costiera con sistemi...obsoleti
    Tags:
    Fondo, spesa militare, Investimenti, difesa, Sicurezza, Commissione Europea, Donald Trump, Jean-Claude Juncker, Unione Europea, UE, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Harald
      Da cosa dovrebbero difendersi non si sa....e intanto il popolo rantola nella miseria....luridi schifosi!!
    • msan.mr
      Credo sia opportuno cominciare a rovesciare l'assunto generalmente accolto in questo sito, della: "minaccia Russa"!

      È inutile che ci facciamo portare in giro da questa ulteriore ipocrisia "da guerra fredda"!!

      La "minaccia Russa" è il pretesto che richiama automaticamente la risposta: "+ Europa, per difenderci dalla minaccia Russa". È chiaro?

      Fuorviante è dunque proseguire su di un filo logico che ci porta lontano, e cioè quello dell'interrogativo: di quale fantapolitica minaccia sta Juncker &Co. parlando?

      È evidente che è un pretesto, un falso ideologico, che dovrebbe di contro portarci ad una più logica disambiguazione, che è quella del grido di "al lupo, al lupo" mirato ad un un altro obiettivo: piegare l'opinione pubblica alle ragioni del subdolo progetto del super-Stato Europeo!


      È evidente che il "lupo" non è quello Russo che, in forza del perverso meccanismo del "gioco al rimando", riadeguerà i suoi meccanismi di difesa militare dei propri confini, ma è quello di costituire il "braccio armato , o polizia euro-globalizzata" degli USA oggi, ma del Governo Mondiale di domani.

      È questa la vera ossessione del neo-nazismo eversivo della casta anglo-sionista-ammerrecota, capeggiata in cima ai suoi Bilderbergers, dai Rothschild & Rockefeller & Soros & Morgan & Co.

      Una polizia, poi globale, oggi pan-Europea, che protegga la cittadella degli "intoccabili", dalle previste orde globalizzate della povertà alla quale ci stanno deliberatamente,e alla faccia di qualsivoglia referendum, destinando.

      Polizia globalizzata con capacità di intelligence e militare, per un pronto intervento in qualsiasi punto del globo, e dotata di sofisticate tecnologie di collegamento e di spostamento.

      Ecco la partecipazione simbolica e sempre più allargata alle bandiere delle componenti "larvatamente" nazionali, di questa grottesca parata union-militare anti-Russa!

      Naturalnente poi, dentro a questo "pacchettino" si fa per dire, ci sono anche gli interessi miliardari delle industrie belliche, sempre più fiorenti nelle economie mondiali e particolarmente euro-atlantiche, in subordine però alla concreta ideologia del NWO ovvero Governo Mondiale.

      Poi c'è la "minaccia Russa", che è l'altra faccia ancora del problema e che sappiamo svilupparsi, non solo sulle sanzioni che, come vediamo ormai, colpiscono in realtà più i popoli Europei, indebolendoli ulteriormente, che non la Russia, ma su altri ambiti di scontro politico e per intermediazioni militari.

      Ragioniamo qundi sulle cose togliendo loro i falsi veli delle volute ambiguità, per favore, altrimenti non si punta all'obiettivo corretto!
    • Libero pensatore
      Tentano in tutti i modi di distogliere l'attenzione dal vero pericolo.
      L'immigrazione clandestina!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15678
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222539