09:33 05 Dicembre 2016
    Sergey Lavrov

    Lavrov vola a Minsk per partecipare al vertice formato Normandia

    © Sputnik. Vladimir Pesnya
    Mondo
    URL abbreviato
    3373110

    Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov è arrivato a Minsk per il vertice formato Normandia sulla normalizzazione della situazione in Ucraina previsto per oggi.

    In precedenza il ministero degli Esteri bielorusso aveva informato che il summit sarebbe iniziato nel pomeriggio di oggi, martedì 29 novembre 2016. Una delle questioni principali sarà la realizzazione di una road map per il Donbass. Il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, dal canto suo, aveva annunciato di voler approfittare di questo incontro per discutere con la Russia a proposito dela Siria e la possibilità di una tregua umanitaria ad Aleppo.

    L'ultimo vertice formato Normandia si è tenuto il 19 ottobre a Berlino. Gli accordi di Minsk prevedono il totale cessate il fuoco, il ritiro delle armi pesanti dalla linea di contatto in Ucraina orientale, lo scambio dei prigionieri e riforme costituzionali per l'attribuzione dello statuto speciale alle repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk.

    Correlati:

    Saakashvili non vuole lasciare l'Ucraina e punta a prendersi il potere
    Ucraina, Russia indaga comandanti di Kiev per bombe su civili
    Forbes: Ucraina tenta di riallacciare rapporti con la Russia
    Tags:
    Vertice, Summit, crisi, risoluzione, accordi di Minsk, Situazione in Ucraina, formato Normandia, Frank-Walter Steinmeier, Sergej Lavrov, Donbass, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Mondobipolare
      Il formato normadia e´un effetto del colpo di Stato costato migliaia di vittime , sulla Maidan e nel Donbass . Se in Crimea questo non e´avvenuto e´grazie all´intervento della Russia . Questa farsa del formato normandia e´una violenza alla Democrazia in Ucraina . Questo Paese prima del colpo di stato del 2014 era un Paese governato democraticamente , il popolo aveva votato solo nel 2012 . Perche´gli Ucraini si fanno dettare le regole da Paesi esteri che con l´Ucraina non hanno nulla a che fare ? L´ingresso nella UE lo dovranno decidere in Ucraina e non a Berlino o Parigi o Varsavia . Questa troika sta´imponendo all´ucraina una dittatura , il prezzo lo pagheranno gli UcraIni con il conflitto con la vicina Russia . Questa UE ha al suo interno soggetti molto pericolosi che non ci mettono la faccia , agenti segreti dietro le vesti di Democratici .
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15683
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540