20:21 16 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-8°C
    Il ministro della difesa cinese Chang Wanquan e il suo omologo iraniano Hossein Dehghan

    Accordo Cina-Iran per la lotta al terrorismo in Medio Oriente

    © AP Photo/ Uncredited
    Mondo
    URL abbreviato
    0 111

    Il ministro della Difesa cinese Chang Wanquan ha incontrato a Teheran il suo omologo Hossein Dehghan per firmare un accordo bilaterale di cooperazione nel campo della difesa e dell’antiterrorismo.

    Mohsen Shariatiniya, esperto di relazioni sino-iraniane del centro di ricerche strategiche di Teheran, ha commentato per Sputnik Persian le prospettive della cooperazione Cina-Iran nella risoluzione delle crisi regionale e, soprattutto, della lotta al terrorismo in Siria.

    "La Cina ha una posizione assai attiva nella lotta contro il terrorismo. Ma questa attività è limitata al ruolo che la Cina ricopre all'interno delle Nazioni Unite e al sostegno di quei Paesi che operano su ogni fronte della lotta al terrorismo. Questo sostegno, però, esclude la collaborazione militare, limitandosi esclusivamente alla cooperazione politica: posizione che, ritengo, la Cina conserverà anche in futuro. Per questo motivo le prospettive della partecipazione della Cina alla lotta contro l'Isis in Siria per il momento sono scarse. Ma non si può dire che la Cina non sia toccata dal problema del terrorismo. Al contrario, è una questione molto importante per Pechino sia dal punto di vista della politica interna sia da quello della politica estera."

    Correlati:

    Via libera da Putin alla lotta comune di Russia e Cina contro il terrorismo
    Esperto: contatti militari tra Cina e Russia importanti per scongiurare conflitto
    La Cina si prende l'Interpol: quali prospettive?
    Tags:
    terrorismo, Cooperazione, Lotta al terrorismo, Iran, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik