03:57 01 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
4320
Seguici su

Il dislocamento dei sistemi missilistici russi Iskander su suolo armeno sono una misura necessaria per il mantenimento della stabilità regionale. Lo ha dichiarato il capo dello Stato Serzh Sargsyan in un’intervista a Sputnik Armenia.

"Credo che [il dispiegamento degli Iskander in Armenia] sia una misura necessaria per riequilibrare in qualche modo la situazione militare della nostra regione. Non è un segreto che l'Azerbaigian abbia acquistato negli ultimi anni una serie di nuovi armamenti. Noi non abbiamo questa possibilità, ma ci impegneremo costantemente per bilanciare la situazione con delle contromisure. Penso che in questa circostanza gli Iskander sono la giusta contromisura", ha spiegato Sargsyan.

"Certo, il ricorso alle armi non è una situazione positiva. Noi non vogliamo arrivare a tanto, ma siamo costretti a farlo dalle continue minacce di guerra. Bisogna fare le relative mosse", ha aggiunto il presidente armeno.

Sargsyan ha sottolineato che l'Armenia ha stretto un accordo con la Russia per il sostegno dell'equilibrio regionale. "Penso che la Russia, basandosi su questo, verrà incontro alla nostra richiesta e ci concederà questo sistema militare. Probabilmente l'umanità sarebbe migliore senza questi sistemi, ma quando servono bisogna farne uso".

In conclusione, Sargsyan ha precisato che la Russia "gioca un ruolo chiave" nella regione soprattutto nel "sostegno alla pace e alla stabilità".

Correlati:

Nagorno-Karabakh, presidente azero apre al compromesso sull’autonomia territoriale
Russia-Armenia, Putin incontra oggi il presidente Sargsyan
Difesa, Russia costruisce piscina per guida carri armati sott'acqua in Armenia
Tags:
stabilità, equilibrio, Iskander, Situazione nel Nagorno-Karabakh, Serzh Sargsyan, Azerbaigian, Armenia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook