02:35 23 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
1200
Seguici su

Trovare una soluzione politica alla crisi, dove agiscono fanatici religiosi, non è possibile, ha detto Assad. Un altro fattore di complicazione del processo di negoziazione è l'intervento nella crisi di diversi Paesi.

Il Presidente siriano Bashar al-Assad considera il conflitto in Siria "qualcosa tra la guerra fredda e la terza mondiale". Lo ha detto in un'intervista al quotidiano britannico Sunday Times.

Trovare una soluzione politica alla crisi, dove agiscono fanatici religiosi, non è possibile, ha detto Assad. Un altro fattore di complicazione del processo di negoziazione è l'intervento nella crisi di diversi Paesi.

"Non è realistico parlare di decisione politica, quando l'altra parte è sotto il controllo dell'Arabia Saudita, Turchia, Regno Unito, USA e Francia. La radice del problema è che questi Paesi intervengono. Quando smetteranno di farlo, i terroristi si affaticheranno e fuggiranno via, oppure verranno sconfitti. Allora noi, i siriani, potremo sederci al tavolo delle trattative per discutere le possibili soluzioni al conflitto" ha detto Assad.

Il Presidente ha sottolineato che al momento non possono essere definite richieste specifiche per le trattative, anche perché finora "nessuno ha proposto niente".

Correlati:

Forze fedeli ad Assad distruggono Al-Nusra al confine con la Giordania
Terrorismo, Assad: russi sono seri e determinati a combatterlo
Siria, Assad: Washington colpevole di spalleggiare i terroristi
Tags:
Guerra al Daesh, Terza Guerra Mondiale, guerra fredda, governo, Bashar al-Assad, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook