17:47 17 Giugno 2019
Il primo ministro russo Dmitry Medvedev

Armi ad Hezbollah in Siria, premier Medvedev risponde a timori di Israele

© Sputnik . Ekaterina Shtukina
Mondo
URL abbreviato
18422

Il capo del governo russo Dmitry Medvedev, commentando i timori di Israele sul rafforzamento di Hezbollah a seguito degli sviluppi in Siria, ha dichiarato che Damasco è responsabile dell'ordine nel Paese e la Russia parte dal presupposto che nessuno intraprenda azioni tese a fomentare le tensioni e il conflitto.

"In primo luogo l'ordine in Siria è una responsabilità delle autorità a Damasco e delle forze armate siriane, non dell'Aviazione russa. E' il primo punto. In secondo luogo mi baso sul fatto che i rapporti tra la Siria ed Israele siano una storia a parte con cui il nostro Paese non ha nulla a che fare. In terzo luogo parto dal presupposto che in questa situazione nessuno intraprenda azioni che possano provocare tensioni o conflitti. Penso che sia chiaro a tutti, in ogni caso occorre comprenderlo in Siria", — ha detto Medvedev in un'intervista con la tv israeliana, commentando la tesi secondo cui la presenza delle forze aeree russe in Siria può limitare le possibilità di Israele di difendere il suo territorio nel caso in cui armi moderne finiscano nelle mani di "Hezbollah".

Correlati:

Leader “Hezbollah” attende vittoria sul terrorismo ad Aleppo
Leader di Hezbollah accusa gli USA di appoggiare il Daesh
Israele chiede aiuto alla Russia per evitare riarmo di Hezbollah dalla Siria
Raid israeliani contro Hezbollah in Siria
Tags:
Geopolitica, Difesa, Sicurezza, raid della Russia in Siria, Esercito della Siria, Hezbollah, Bashar al-Assad, Dmitry Medvedev, Medio Oriente, Israele, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik