09:53 10 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
6119
Seguici su

Qualche giorno fa le forze aeree americane hanno bombardato i quartieri residenziali di Hamam El-Elil, città alle porte di Mosul; a seguito dei raid è stata colpita la popolazione civile ed è stata distrutta una moschea, ha riferito Sergey Rudskoy, direttore del Dipartimento operativo dello Stato Maggiore russo.

"Gli Stati Uniti continuano a bombardare le zone residenziali a Mosul e in altre città della provincia irachena di Ninawa. Il 26 ottobre gli aerei americani hanno attaccato le zone residenziali nella parte centrale della città di Hamam El-Elil, situata 20 chilometri a sud-est di Mosul," — ha riferito il generale russo.

"L'ingresso delle truppe governative irachene in un sobborgo di Mosul è stato preceduto da bombardamenti a tappeto della coalizione che hanno distrutto il settore residenziale," — ha detto il rappresentante dello Stato Maggiore russo.

Le forze governative irachene, insieme ai curdi iracheni delle unità di autodifesa e con il sostegno della coalizione guidata dagli Stati Uniti dal 17 ottobre conducono l'operazione per liberare Mosul, controllata dai terroristi del Daesh dal 2014.

Correlati:

I media internazionali faziosi nel raccontare la situazione (simile) a Mosul e Aleppo
Trump: l'operazione per la liberazione di Mosul è "un disastro completo"
Russia punta i satelliti spia su Mosul
Iraq: Daesh respinto dalle milizie sciite a sud Mosul
Tags:
ISIS, Terrorismo, Coalizione USA anti ISIS, Sergey Rudskoy, Russia, USA, Iraq, Mosul
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook