12:35 30 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
206
Seguici su

Secondo le informazioni del quotidiano ceco Hospodářské noviny ci saranno dei candidati cinesi pronti a prendere parte alla costruzione di nuovi reattori nucleari a condizione che il governo ceco non indica una gara d'appalto. Il Ministero dell'industria della Repubblica Ceca, ha detto che questa informazione per ora non è certa.

Il direttore generale del Fondo nazionale energetico e della sicurezza russo Konstantin Simonov ha detto:

"Dubito fortemente che i cinesi riusciranno ad ottenere questo senza che il governo non indica la gara d'appalto. Probabilmente convinceranno i cechi con dei prezzi allettanti. Ma la Cina non è una potenza nucleare di punta, in cui la questione della responsabilità è molto seria. Non stiamo parlando di trasporti motorizzati, che nel caso dei problemi basta semplicemente ritirarsi. Se il reattore dovesse avere dei malfunzionamenti, allora tutta l'Europa ne pagherebbe le conseguenze, in primis l'Austria. Quindi penso che se Bruxelles non rimarrà in disparte, dovrebbe esercitare una forte pressione su Praga, per non farsi sedurre dall'offerta cinese. Per la costruzione del nuovo reattore in realtà si erano proposte "Rosatom", la società americana con partecipazione giapponese "Westinghouse" e la società francese "Areva". I cinesi sono apparsi nella lista dei pretendenti per la richiesta ceca in maniera abbastanza brusca. La Repubblica Ceca ha imparato molto bene ad approfittare della situazione nel settore dell'energia nucleare. E' consapevole che in Europa dopo il disastro di Fukushima tutti guardano alle centrali nucleari come un potenziale pericolo. La Germania ad esempio ha annunciato di voler chiudere tutte le proprie centrali nucleari, ma è anche vero che l'ondata di paura si sta affievolendo, infatti lo stesso Giappone sta valutando di costruire una nuova centrale nucleare e lo stesso sta facendo l'Ungheria con l'aiuto della Russia. Ma l'atteggiamento negativo nei confronti dell'energia atomica resta, infatti le richieste sono poche. Annunciando la conclusione dei cantieri della "Dukovan" i cechi stanno portando avanti un gioco subdolo. Subito ottengono diverse proposte e come elemento di pressione sui partner russi, francese e americani tirano fuori la proposta cinese. Ecco, abbiamo una proposta da parte dei cinesi, ci costruiscono tutto ad un prezzo stracciato, su abbassate il prezzo.

"Se davvero dovessero firmare il contratto con la società cinese, prima di tutto ci sarà un grosso scandalo all'interno della nazione, poi si attiverà Bruxelles e tutta l'Europa inizierà a chiedersi: come può la Cina costruire un reattore nucleare in Repubblica Ceca, la quale onestamente non hanno mai avuto nessuna grande tecnologia nucleare fino ad ora. Credo che il governo ceco comprenda benissimo la bufera che provocherebbe se accettasse la proposta cinese.

"Tuttavia le ambizioni cinesi sono grandi, già la stampa scrive che il Celeste Impero sia sulla scia di "Rosatom". Se i cinesi proporranno una nuova tecnologia, significa che ai cechi servirà assistenza e combustibile nucleare non russi e dunque questo sarà molto costoso…

"Questo è uno dei problemi. La costruzione di una centrale nucleare prevede un pacchetto da parte del contraente che include anche la fornitura di celle a combustibile, la raccolta e lo smaltimento del combustibile esaurito. Anche i cinesi propongono questo tipo di servizi? Stanno offrendo tutto, dai giocattoli alle navicelle spaziali. Ma dobbiamo ricordare che i "pionieri" in mercati come il mercato nucleare, cercano di portare la propria tecnologia a scapito dei clienti, inoltre ad un alto prezzo. Cechi, tutto questo vi serve?

Correlati:

In Egitto è stato approvato un accordo per un centrale nucleare con partecipazione russa
Mosca consegna all'India primo blocco della centrale nucleare di Kudankulam
Erdogan: progetto per centrale nucleare Akkuyu è investimento strategico
Tags:
Energia, Reattore nucleare, Centrale nucleare, Rosatom, Repubblica Ceca
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook