13:00 27 Maggio 2019
Roccie dell'isola Shikotan, Isole Curili

Il Giappone attira l'attenzione sulla questione territoriale con la Russia tramite turismo

© Sputnik . Alexander Liskin
Mondo
URL abbreviato
0 102

Per attirare i turisti in questa regione si prevede di organizzare voli di compagnie low-cost da varie zone del Giappone.

Il governo del Giappone creerà un gruppo di lavoro per la promozione del turismo nella parte orientale dell'isola settentrionale di Hokkaido, dove si trovano le isole Curili, per attirare l'attenzione della popolazione verso la questione territoriale in corso tra i due Paesi. Come ha riferito oggi l'agenzia Kyodo, ci saranno le prime consultazioni tra i ministeri giapponesi e le autorità di Hokkaido il 2 novembre.

"Per il raggiungimento dei progressi nei negoziati con la Russia è importante, per il Governo e i cittadini del Paese, che si agisca tutti insieme" ha detto il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe ad un incontro con il governatore della prefettura di Hokkaido Harumi Takahashi, con cui ha discusso le attività del gruppo di lavoro.

Come previsto, entro il mese di febbraio del prossimo anno si preparerà un piano dettagliato per lo sviluppo del turismo nella parte orientale di Hokkaido. Per attirare i turisti in questa regione si prevede di organizzare voli di compagnie low-cost da varie zone del Giappone.

In precedenza il quotidiano Yomiuri ha riferito che il governo Giapponese ha previsto per dicembre la visita del Presidente della Federazione russa Vladimir Putin, per cercare un accordo che estende la possibilità di viaggio verso le isole Curili meridionali per i suoi cittadini.

La parte meridionale dell'isola è diventata parte dell'URSS alla fine della Seconda guerra mondiale, tuttavia, Tokyo già molti decenni, contesta questa decisione. Questo impedisce la conclusione bilaterale di un trattato di pace. Allo stesso tempo, lo stato di guerra tra i due Stati è stato interrotto nel 1956 con la firma sovietico-giapponese di una dichiarazione congiunta, che ha permesso di ripristinare le relazioni diplomatiche ed economiche.

Allora i due fronti non riuscirono a trovare un accordo sul confine, ma in un documento, come gesto simbolico di buona volontà dell'URSS, quest'ultima era disposta a cedere Shikotan e Chaboman, ma solo dopo la firma del trattato di pace. Nessun altro obbligo era invece previsto per  le Curili del sud, le isole Kunashiri e Iturip.

Correlati:

Da Mosca una proposta al Giappone per risolvere la controversia sulle Isole Curili
Isole Curili, Abe rivela i dettagli delle trattative con Mosca
Curili, Abe definisce la posizione di Tokyo sulle isole contese
Tags:
isola, governo, Shinzo Abe, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik