09:25 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Hillary Clinton

    Gli indiani d'America protestanto contro la Clinton - VIDEO

    © AP Photo/ Andrew Harnik
    Mondo
    URL abbreviato
    7649191

    Già da un paio di mesi i locali e gli ambientalisti protestano contro la costruzione dell'oleodotto, sostenendo che sia un potenziale pericolo per luoghi di culto della tribù Sioux e minacci anche le riserve di acqua.

    Un gruppo di adolescenti, discendenti dei pellerossa indiani, in segno di protesta contro la costruzione di un oleodotto nello stato del Dakota del Nord, hanno montato delle tradizionali tende wigwam nei pressi dell'ufficio del personale della candidata alla carica di Presidente degli Stati Uniti, Hillary Clinton, a Brooklyn, New York, riferisce il portale Grist.

    Come scrive il quotidiano, dodici giovani indiani della riserva di Standing Rock in Dakota sono arrivati con una lettera per la Clinton giovedì nella sede del suo ufficio a Brooklyn. In pochi minuti gli adolescenti hanno innalzato le tende, supportate da traverse di legno, tessuto e un cartellone.

    ​Già da un paio di mesi i locali e gli ambientalisti protestano contro la costruzione dell'oleodotto, sostenendo che sia un potenziale pericolo per luoghi di culto della tribù Sioux e minacci anche le riserve di acqua.

    "Vogliamo solo essere ascoltati. La  Clinton dovrebbe rappresentarci" ha detto uno dei manifestanti, un indiano di 13 anni.

    Secondo i manifestanti, Clinton ha rifiutato di scendere a prendere la lettera di appello. Loro non l'hanno lasciata ai guardiani. In precedenza, durante le primarie Clinton si è espressa contro l'estrazione di combustibili fossili nell'Artico e lungo la costa Atlantica.

    Correlati:

    Gli indiani d’America contro il fracking
    Bill Clinton ha guadagnato 3 milioni di dollari per i suoi interventi dopo la presidenza
    Militari USA hanno paura delle proposte di Hillary Clinton sulla Siria
    Tags:
    Proteste, Protesta, Hillary Clinton, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik