12:14 16 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    Il quartiere generale della NATO a Bruxelles

    Tutte le guerre illegali della Nato raccontate in un libro

    © AP Photo/ Geert Vanden Wijngaert
    Mondo
    URL abbreviato
    5390

    Sputnik Germania ha intervistato lo storico svizzero Daniele Ganser che nel suo ultimo libro “Illegale Kriege”, guerre illegali, racconta le guerre illegali della Nato dal 1945 ad oggi.

    "Ci sono poche leggi che regolano le guerre. La Carta delle Nazioni Unite, il documento più importante nel quadro del diritto internazionale, dichiara che se un paese viene attaccato ha il diritto di difendersi. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è composto da cinque paesi membri permanenti: Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Cina e Russia. Se questi cinque si accordano che è possibile iniziare le ostilità, la guerra è considerata legittima. In tutti gli altri casi, la guerra è illegale. La maggior parte delle guerre sono illegali.

    "L'invasione del Kuwait da parte di Saddam Hussein nel 1990 è un tipico esempio di guerra illegale, in quanto l'Iraq non aveva alcun diritto di invadere il paese vicino. Poi il Consiglio di sicurezza ha detto, dicono, creeremo un mandato che Saddam Hussein deve ritirare le sue truppe. Se egli non segue i requisiti del mandato, mentre le forze armate internazionali dovranno espellerlo dal Kuwait.Allora il Consiglio di Sicurezza dell'Onu si è accordato per dichiarare guerra a Saddam Hussein.

    "Un'altra guerra su mandato del Consiglio di Sicurezza dell'Onu è stata quella in Libia nel 2011. È seguito il mandato per la creazione della no-fly zone, e russi e cinesi hanno dato il loro consenso convinti che fosse l'unico modo di fermare il bagno di sangue in Libia. Successivamente i paesi della NATO hanno utilizzato questo mandato per ottenere un cambiamento di regime. Non si sono limitati a creare le no-fly zone, hanno cominciato a bombardare la Libia. Sono azioni illegali, non previste dall'Onu. Pertanto, a causa della guerra libica i russi e i cinesi si sono sentiti presi in giro ed è per questo che la situazione in Siria è in stallo. La fiducia tra Mosca e Washington è stata seriamente compromessa.

    "Nel mio nuovo libro esamino tutte queste guerre. Parlo anche della guerra in Siria. Ci sono potenze straniere che vogliono rovesciare Assad. Qatar, Arabia Saudita, ma anche i paesi della NATO, in particolare Turchia, USA, Francia, Germania e Regno Unito. Gli iraniani e i russi vogliono che Assad rimanga al potere. Queste due parti stanno ora combattendo per i propri interessi. Un'intero capitolo del mio libro è dedicato alla guerra in Siria, mentre gli altri esaminano, per esempio, la guerra in Vietnam e quella in Iraq per un totale di 13 paesi."

    Correlati:

    Per Mosca “ridicoli” i timori della NATO su obiettivi delle navi russe nel Mediterraneo
    Alla NATO ritengono “accettabile” la presenza della portaerei russa nel Mediterraneo
    La NATO spinge tutti gli alleati ad opporsi alla Russia
    NATO, Stoltenberg ricorda agli alleati le conseguenze dell'aiuto alle navi russe
    Tags:
    Conflitto, Guerra, ONU, NATO, Kuwait, Libia, Iraq, Siria, Cina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik