13:18 18 Novembre 2019
La Casa Bianca

Al Congresso USA hanno proposto di assassinare Assad

© AFP 2019 / PAUL J. RICHARDS
Mondo
URL abbreviato
20139
Seguici su

Un partecipante al briefing segreto del Congresso, organizzato dal Consiglio delle relazioni internazionali, ha proposto di risolvere la crisi siriana uccidendo il presidente della repubblica Bashar al-Assad, comunica Foreign Policy citando una fonte presente all'incontro.

"E se uccidessimo Assad?" cita le parole del partecipante la testata. La domanda è stata indirizzata a Philip Gordon, ex coordinatore della Casa Bianca per il Medio Oriente. La testata ha riportato che la "proposta" ha suscitato perplessità tra i partecipanti alla riunione. Gordon ha respinto la proposta definendola contro la legge e inefficace.

"E' illegale e soprattutto non cambierebbe nulla, la Russia e l'Iran comunque avranno interessi in Siria" ha risposto Gordon.

L'incontro si è svolto la scorsa settimana.

Il Foreign Policy specifica che un decreto del 1976 prevede che nessun dipendente del governo degli Stati Uniti può partecipare ad una politica che prevede un omicidio o alla preparazione di esso.

"Anche se Assad per qualche motivazione dovesse morire o essere ucciso, la sostanza del conflitto non cambierebbe, perché la Russia supporterebbe il regime contro l'opposizione" ha dichiarato la fonte alla Camera dei rappresentanti.

Bashar Assad
© Sputnik . Press service of the President of Syria Bashar al-Assad

 Difficilmente il prossimo presidente Usa approverebbe dei piani per l'eliminazione di Assad, ma è chiaro che Washington è sempre alla ricerca di metodi sempre più aggressivi per affrontare la crisi, che si protrae da quasi sei anni, conclude l'autore dell'articolo.

Correlati:

Russia accusa: ad Aleppo i ribelli anti-Assad tengono in ostaggio i civili
Siria, Assad: positivo riavvicinamento tra Russia e Turchia
Casa Bianca non esclude raid contro le forze di Assad in Siria
Tags:
Incontro, riunione, Riunione, Congresso USA, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik