11:58 27 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
180
Seguici su

"Nessuno dovrebbe parlare di dove andrà la missione, se la missione stessa ancora non c'è" ha sottolineato.

Non è ancora noto se la missione di polizia dell'OSCE avverrà in Donbass, la discussione su questa possibilità non è ancora in corso, ha detto il portavoce del presidente russo Dimitrij Peskov.

Mercoledì a Berlino c'è stato il primo vertice di quest'anno dei capi del "quartetto normanno " a cui hanno partecipato i leader di Russia, Germania, Ucraina e Francia, Vladimir Putin, Angela Merkel, Poroshenko e François Hollande.

Secondo il Presidente ucraino, il "quartetto normanno" ha approvato la proposta di "road map" per risolvere la situazione in Donbass. Poroshenko ha anche detto che i quattro leader hanno deciso di fare il tentativo di introdurre in Donbass una missione dell'OSCE, che garantirà la sicurezza.

Come ha detto Peskov, Putin ha risposto accettando l'idea della missione di polizia dell'OSCE, dotata di armi di servizio.

"E io voglio sottolineare che si tratta solo di armi di servizi. Allora, diciamo così, all'eventuale idea di questa missione, il Presidente Putin può essere potenzialmente d'accordo. Ma il fatto è che questo è esattamente eventuale. Fino a quando non si sa come questa missione dell'OSCE si può formare, dove andrà e così via. Su questo non ci sono ancora discussioni o decisioni, dipenderà da una serie di circostanze" ha detto Peskov ai giornalisti.

Il Portavoce del Capo dello Stato ha sottolineato che tutti i partecipanti del "quartetto normanno" sono convenuti sulla creazione di una tale missione in caso di necessità.

"Nessuno dovrebbe parlare di dove andrà la missione, se la missione stessa ancora non c'è" ha sottolineato.

Correlati:

Putin approva la missione armata dell’Osce nel Donbass
OSCE segnala la presenza di mercenari georgiani tra forze di Kiev nel Donbass
Tags:
OSCE, Ucraina, Donbass, governo, Dmitry Peskov, Donbass
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook