21:59 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
3310
Seguici su

La liberazione di Mosul dall’Isis potrebbe concludersi in un “totale disastro” per l’esercito iracheno e la coalizione a guida americana. Lo scrive Daniel Davis sul National Interest.

Nonostante l'operazione sia iniziata soltato da alcuni giorni, già adesso si vedono chiari segnali che problemi seri attendono la coalizione. Ancora prima dell'inizio dell'operazione era chiaro che di fronte all'Isis s'inteponevano molteplici ostacoli politici e diplomatici, più ardui da superare della stessa battaglia con i terroristi.

La battaglia di Mosul potrebbe concludersi, secondo Davis, in una catastrofe per i civili. L'Onu teme che milioni di persone possano abbandonare le loro case, e l'organizzazione non dispone dei fondi necessari per arginare il peggioramento della situazione. Si ha l'impressione che le autorità irachene si stiano dando da fare per minimizzare la crisi umanitaria ed esortano le persone a non abbandonare le loro abitazioni. Allo stesso tempo, l'Isis ostacola l'uscita della gente in fuga da Mosul.

Ma il problema principale risiede nel fatto che gli Usa considerano conclusa la guerra in Iraq. Adesso Washington, scrive Davis, è convinta di combattere l'Isis sostenendo forze con interessi contrastanti.

Correlati:

Mosul, Isis risponde all’offesiva curdo-irachena con i kamikaze
Mosul, serve più assistenza per circa 200mila persone
Mosul, decine di migliaia di militari impegnati nella liberazione della città dall'Isis
Tags:
crisi umanitaria, operazione militare, liberazione, Terrorismo, liberazione di Mosul, Coalizione USA anti ISIS, ONU, ISIS, Mosul, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook