Widgets Magazine
16:40 21 Ottobre 2019
Soldati siriani alla periferia di Aleppo

“Il nulla di fatto dei colloqui di Losanna può aprire escalation in Siria, guerra lunga”

© AFP 2019 / GEORGE OURFALIAN
Mondo
URL abbreviato
5220
Seguici su

La mancanza di risultati tangibili nell'ultimo vertice multilaterale di Losanna sulla Siria sottolinea la natura protratta del conflitto siriano e nel prossimo futuro è possibile una spirale di escalation, ha detto Elena Suponina, consigliere del direttore dell'Istituto russo per gli Studi Strategici.

Nei colloqui di Losanna durati diverse ore hanno preso parte il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il segretario di Stato americano John Kerry, l'inviato speciale del segretario generale delle Nazioni Unite sulla Siria Staffan de Mistura, così come i capi delle diplomazie di Turchia, Arabia Saudita, Iran, Qatar, Giordania, Egitto e Iraq. I protagonisti di questi negoziati non sono riusciti a raggiungere l'accordo per riprendere il cessate il fuoco in Siria.

"Questo risultato deludente era ampiamente prevedibile. Il ministro Lavrov aveva dato poche speranze per una svolta in questi negoziati: troppe differenze tra gli Stati Uniti e la Russia. A questo bisogna aggiungere le divergenze delle potenze della regione, in particolare tra Iran e Arabia Saudita," — la Suponina ha detto a RIA Novosti.

"Crea trepidazione il fatto che dopo i colloqui a Losanna Kerry si sia recato a Londra, dove si discuterà lo stesso argomento, ma senza la Russia e con coloro che vogliono dagli Stati Uniti azioni più decise contro il presidente siriano Bashar Assad," — ha osservato la Suponina.

Secondo l'analista, "tutto questo suggerisce che il conflitto in Siria durerà ancora a lungo e nel breve è molto probabile un'escalation."

Correlati:

“L'isteria antirussa sta facendo perdere l'Occidente”
Siria: Non erano foto di Aleppo, era Gaza bombardata da Israele
Siria, Usa: cooperazione con Russia sul tavolo se riprende il processo politico
Putin ratifica accordo su presenza a tempo indeterminato gruppo aereo russo in Siria
Siria, l’Occidente preferisce denigrare la Russia invece di combattere i terroristi
Una no-fly zone su Aleppo sarebbe una dichiarazione di guerra a Russia e Siria
Tags:
Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Opposizione siriana, crisi in Siria, Bashar al-Assad, John Kerry, Sergej Lavrov, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik