07:02 24 Agosto 2017
Roma+ 17°C
Mosca+ 15°C
    Rovine di Palmira

    Gli scienziati russi hanno realizzato un modello 3D della città di Palmira

    © Sputnik. Mikhail Voskresenskiy
    Mondo
    URL abbreviato
    3546150

    Gli scienziati russi hanno creato un modello 3D della città siriana di Palmira dopo un sopralluogo con il quale vogliono costruire dei modelli virtuali di restauro della città, ha detto ai giornalisti il capo della spedizione, il direttore dell'Istituto di Storia della cultura materiale RAS Natalya Solovyova.

    "Dal 20 al 28 settembre abbiamo lavorato a Palmyra e condotto una ricognizione aerea dei monumenti attraverso un sistema che registra gli oggetti a terra, in modo che le immagini fotografiche possano essere incluse nel modello 3D che è stato costruito" ha detto giovedì Solovyova.

    Secondo lei il modello rappresenta fedelmente tutti i piani delle strutture e ha una "precisione centimetrica", e usandolo "sarà già possibile contrassegnare tutte le pietre per costruire un modello virtuale del restauro di Palmira".

    Solovyova ha comunicato che il risultato del lavoro probabilmente potrebbe rappresentare la Siria all'UNESCO.

    "Daremo tutti i dati ai restauratori dopo che il Ministero della cultura discuterà le prossime tappe. E senza necessariamente dover essere presenti sul luogo del monumento, sarà possibile avviare il lavoro di analisi sulla ricostruzione"- ha spiegato.

    La spedizione ha contribuito a chiarire i risultati dei precedenti ricercatori. Allo stesso tempo, contrariamente a quanto affermato in precedenza, si è scoperto che i monumenti sono stati ulteriormente distrutti dallo scavo di numerosi saccheggiatori.

    Secondo l'archeologo, ad oggi, la Russia è l'unico paese che possiede la documentazione dello stato attuale di Palmyra, al 26 settembre 2016".

    Il vice direttore del Dipartimento di beni culturali presso il Ministero della cultura Dmitry Sergeev ha spiegato che "tutte le azioni degli specialisti russi sono svolte su invito ufficiale" infatti tra il Ministero della Cultura della Federazione Russa e il Ministero della Cultura della Siria è stato concluso un memorandum speciale" che porterà alla preparazione di una serie di altri accordi.

    "I lavori dei nostri specialisti in Siria e in ricordo dell'antica Palmira verranno continuati" ha annunciato lui specificando che "ulteriori lavori verranno svolti in base alle opportunità che ci verranno fornite, tenendo conto anche della situazione politico-militare nel paese e la volontà della comunità internazionale di unire gli sforzi in questa direzione".

    Le antiche rovine di Palmira sono uno dei 6 siti UNESCO in Siria. La città era uno dei centri più ricchi delle antiche civiltà è stata sotto il controllo dei terroristi dell'ISIS dalla metà di marzo 2015. Durante questo periodo i guerriglieri hanno fatto esplodere un famoso arco di trionfo con colonnato, il tempio di Baalshamin del II secolo e il santuario della suprema divinità semitica Bela. Inoltre è stato saccheggiato il museo nazionale e la necropoli di Palmira.

    Correlati:

    Violenti scontri nei pressi di Palmira
    Tags:
    restauro, Restauro, Unesco, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik