Widgets Magazine
00:46 21 Settembre 2019
Forze governative siriane

Esercito siriano continua ad avanzare nei quartieri ribelli di Aleppo

© AFP 2019 / GEORGES OURFALIAN
Mondo
URL abbreviato
6531
Seguici su

Le unità avanzate dell'esercito siriano e le milizie filo-Assad hanno liberato il quartiere Huweija ed hanno preso il controllo del raccordo stradale, hanno riferito le milizie governative a RIA Novosti.

"Siamo avanzati nei quartieri orientali provenendo da nord. Oggi le nostre truppe hanno liberato Huweija", — hanno riferito dalla milizia.

Secondo loro, dopo aver conquistato Huweija è possibile continuare l'offensiva contro il quartiere Bustan al-Basha, controllato dai terroristi.

L'avanzata dal nord di Aleppo è iniziata con la liberazione del campo profughi palestinese di Handarat. Successivamente sono stati liberati l'ospedale Kindi (il più grande del Medio Oriente) e la zona industriale di Shkeyf all'ingresso di Aleppo.

Allo stesso tempo una ONG indipendente, la "Missione Umanitaria Russa", è riuscita a consegnare gli aiuti umanitari ai cittadini bisognosi di Aleppo. Hanno ottenuto gli aiuti 200 famiglie, riferisce dalla città il corrispondente di RIA Novosti.

La distribuzione degli aiuti è avvenuta nel centro storico di Aleppo, a circa 2 chilometri dalla linea del fronte.

Nell'organizzazione della distribuzione dei generi alimentari hanno contribuito gli uomini delle milizie cristiane di Aleppo. Hanno ricevuto gli aiuti le famiglie di tutte le fedi, la maggior parte delle quali è formata da profughi provenienti dai centri occupati dai terroristi.

Correlati:

Crisi Siria, monito di Hollande: no a veto su risoluzione francese. Messaggio alla Russia?
Russia accusa: ad Aleppo i ribelli anti-Assad tengono in ostaggio i civili
Mosca avverte Kerry delle conseguenze delle sue parole sui “crimini di guerra” in Siria
USA, Kerry chiede di indagare le azioni della Russia in Siria come crimini di guerra
Tags:
Terrorismo, Aiuti umanitari, Esercito della Siria, Aleppo, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik