Widgets Magazine
04:22 16 Settembre 2019
Reichstag, Berlino

La Germania discute nuove sanzioni contro la Russia per la Siria

© flickr.com/ Adam Wyles
Mondo
URL abbreviato
21129
Seguici su

Al Cremlino ritengono assurdo che l'Occidente metta in relazione le sanzioni antirusse con l'attuazione degli accordi di Minsk.

Il Governo Federale discute della possibilità di introdurre nuove sanzioni anti-russe, scrive il Wall Street Journal, citando una fonte a conoscenza di queste decisioni. Le restrizioni, come si legge nell'articolo del giornale, dovrebbero essere la risposta alle decisioni di Mosca sulla situazione in Siria.

Secondo il giornale, ora il dialogo sulle nuove misure restrittive di carattere economico si trova ancora in una fase iniziale. Non è chiaro, si osserva nell'articolo, se a supportare l'iniziativa siano i social-democratici, partner nell'unione Cristiano-democratica di Angela Merkel, nella coalizione di Governo.

Al rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri tedesco mercoledì durante una conferenza stampa è stato chiesto delle sanzioni contro la Russia e lui ha risposto:

"Al momento non conosco nessuno — né a Berlino, né altrove — che abbia fatto questa proposta", scrive il WSJ.

Inoltre, come ha dichiarato in un'intervista sul portale di notizie del canale televisivo ZDFheute.de, il commissario del Governo tedesco per la cooperazione russo-tedesca Ghernot Erler, alcune prime riflessioni su questo argomento ci sono già.

A riguardo, il funzionario ha sottolineato che "la politica delle sanzioni, nella forma in cui ha avuto luogo per il conflitto ucraino, non si è rivelata uno strumento da utilizzare di nuovo".

Nell'estate 2014 Berlino si è unita alla politica di sanzioni europee introdotte a causa degli eventi in Ucraina. La condizione per la cancellazione delle restrizioni per l'Ovest è l'esecuzione degli accordi di Minsk per risolvere la situazione in Donbass.

In conformità con questi accordi, Kiev alla fine del 2015 doveva attuare una riforma costituzionale. Gli elementi chiave della riforma riguardano l'adozione della legge di status speciale per le zone di Donetsk e Lugansk, tuttavia, le autorità ucraine non hanno ancora rispettato questa parte degli accordi.

Al Cremlino ritengono assurdo che l'Occidente metta in relazione le sanzioni antirusse con l'attuazione degli accordi di Minsk, dal momento che la Russia non è parte del conflitto oppure oggetto di accordi per risolvere la situazione in Ucraina.

Correlati:

La Casa Bianca apre a nuove sanzioni contro la Russia per il sostegno ad Assad
Tags:
Sanzioni, sanzioni antirusse, governo, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik