02:06 25 Giugno 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 10°C
    Bandiera della Gran Bretagna

    Regno Unito, politici contro i seminatori d’odio nella questione migrazione

    © REUTERS/ Neil Hall
    Mondo
    URL abbreviato
    241817

    I leader di tre partiti britannici si sono opposti alle dichiarazioni xenofobe dei membri del governo sul tema della migrazione.

    Si tratta del Primo ministro della Scozia e capo del SNP Nicola Sturgeon, i leader dei Verdi Caroline Lucas e Jonathan Bartley, e la leader del Plaid Cymru Leanne Wood.

    In una dichiarazione, i leader dei tre partiti hanno sostenuto che le autorità stanno utilizzando i risultati del referendum di giugno come "pretesto per la rottura con l'Europa e come scusa per la più tossica retorica del governo sulla questione della migrazione nel nostro secolo".

    "Non permetteremo che le persone che vivono su queste isole, indipendentemente da come hanno votato il 23 giugno, siano presentate come una massa xenofoba e reazionaria che vuole solo una cosa: riportare la Gran Bretagna ai tempi dell'impero" recita la dichiarazione.

    "In tempi di aumento dei livelli di violenza e di tensione, condanneremo i politici che minacciano l'incitamento di queste cose" sottolineano i politici.

    Correlati:

    Il crescente malcontento per i migranti minaccia le basi dell’UE
    Germania, mega rissa tra tedeschi e migranti
    Migranti, Obama firma provvedimento: nel 2017 saranno accolti 110 mila rifugiati negli Usa
    Tags:
    Migranti, xenofobia, Crisi dei migranti, Gran Bretagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik