19:42 21 Giugno 2018
Vice Primo Ministro russo Arkadiy Dvorkovich

Russia, Dvorkovich: Stabilizzata inflazione e disoccupazione. Contiamo molto sull'Italia

© Sputnik . Sergey Guneev
Mondo
URL abbreviato
413

Italia-Russia, Dvorkovich: Nonostante complessità del momento, relazioni sono molto buone.

"Abbiamo stabilizzato l'inflazione e la disoccupazione a un livello basso, mantenendo allo stesso tempo i nostri impegni sociali e la stabilità politica". Lo ha affermato il vice premier della Federazione Russa, Arkady Dvorkovich, nel suo intervento di apertura della quattordicesima sessione del Consiglio italo-russo per la cooperazione economica, industriale e finanziaria, in corso alla Farnesina.

"Contiamo moltissimo sulla cooperazione con i paesi partner tra cui l'Italia" — ha sottolineato commentando la situazione economica della Russia. "Le nostre aziende continueranno a investire nell'economia europea e in quella italiana".

A proposito, ha ricordato che "numerose imprese russe hanno un portafoglio d'investimenti" nel nostro paese.

“Nonostante le complessità del momento, le relazioni politiche tra la Russia e l’Italia sono molto buone”.

"E' trascorso molto tempo dall'ultimo Consiglio ma in questo periodo non siamo rimasti con le mani in mano" – ha aggiunto. "Abbiamo portato avanti progetti interessanti su vasta scala ed è proseguita la cooperazione bilaterale ad alto livello politico".

"Siamo stati particolarmente colpiti dalle sanzioni Ue nel settore agro-alimentare, ma abbiamo la possibilità di ampliare le forniture di beni che non rientrano nel regime di sanzioni" — ha concluso. "Contiamo inoltre sulla cooperazione nel settore agricolo, delle infrastrutture, dell'energia e delle alte tecnologie".

 

Correlati:

“Entro il 2030 la Russia avrà un'economia indipendente dalle materie prime”
Italia e Russia economie complementari
“L'economia russa può reggere un nuovo crollo dei prezzi del petrolio”
Tags:
relazioni Italia-Russia, Cooperazione economica, Arkadiy Dvorkovich, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik