12:15 16 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    WADA

    Hacker pubblicano la sesta parte dei documenti sottratti dal database della WADA

    © REUTERS/ Christinne Muschi/File Photo
    Mondo
    URL abbreviato
    5240

    Il gruppo di Hacker Fancy Bears ha pubblicato sul suo sito un'altra parte di documenti riguardanti il doping “per scopi terapeutici”, sottratti al database della Agenzia Mondiale Antidoping (WADA), riporta R-Sport.

    Nella sesta parte dei documenti pubblicati figurano in particolare: il doppio campione olimpico nuotatore australiano Emily Seebohm, che ha preso il prednisolone, e il triatleta britannico Alistair Brownlee che ha usato acetazolamide. Oltretutto, nella lista ci sono atleti dagli Stati Uniti, Giappone, Brasile, Canada, Colombia, Germania, Francia, Nuova Zelanda, Svezia, Venezuela e Sud Africa.

    Gli hacker del gruppo Fancy Bears hanno pubblicato già sul loro sito altre cinque volte dei documenti rubati dal database della WADA, che dimostrano che numerosi atleti, vincitori di medaglie durante le olimpiadi, hanno fatto uso di sostanze dopanti sotto copertura dell'agenzia per "scopi terapeutici".

    L'agenzia ha consentito ad un certo numero di atleti ben noti, tra cui i giocatori di tennis Rafael Nadal, Serena e Venus Williams, la ginnasta Simone Biles, i ciclisti Chris Froome e Bradley Wiggins, i giocatori di basket Miloš Teodosić ed Elena Delle Donne di utilizzare farmaci illeciti e addirittura sostanze dopanti.

    Correlati:

    Olimpiadi 2016, nel mirino anche gli atleti paralimpici russi
    Doping, Bloomberg: informazioni hackerate mettono in dubbio onestà della WADA
    Tags:
    doping, Attacchi hacker, WADA, Elena Delle Donne, Simone Biles, Venus Williams, Serena Williams, Mondo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik