Widgets Magazine
03:06 18 Luglio 2019
Pentagono

“Propaganda per la guerra”: svelata collaborazione tra Pentagono e società inglese

© AFP 2019 / STAFF
Mondo
URL abbreviato
14107

Durante la guerra in Iraq il Dipartimento della Difesa statunitense ha cooperato con la società mediatica inglese Bell Pottinger per mettere in cattiva luce e fare propaganda contro Al Qaeda, anche tramite la diffusione di video falsi, segnala il quotidiano Daily Beast.

Secondo il Bureau of Investigative Journalism, il Pentagono ha versato alla Bell Pottinger 540 milioni di dollari per la copertura mediatica durante la guerra in Iraq tra il 2007 e 2011.

Secondo il redattore video della compagnia Martin Wells, la società era obbligata a svolgere 3 tipi di attività: produrre spot televisivi, mettere Al Qaeda in cattiva luce creando false notizie per la televisione araba, così come creare video propagandistici falsi di Al Qaeda.

I militari americani usavano i cd con video falsi di "Al-Qaeda" durante le loro operazioni. "Durante le perquisizioni nelle abitazioni o prima di qualche operazione facevano ritrovare i cd", — il giornale cita le parole di Wells. Dopodichè i militari risalivano agli indirizzi IP di quelli che guardavano i filmati. Oltre all'Iraq i cd venivano rintracciati in Iran, Siria ed anche in America.

Secondo Wells, i collaboratori della Bell Pottinger lavoravano fianco a fianco con i servizi segreti e i militari americani nella base di Camp Victory, situata a Baghdad. La società rendeva conto delle sue attività al Pentagono, alla CIA e al Consiglio di Sicurezza Nazionale USA.

Wells ha descritto il lavoro che avveniva in questa base come "scioccante rivelatore e sconvolgente."

Come riportato, il Bureau of Investigative Journalism monitorava il lavoro della Bell Pottinger tramite i contratti con le amministrazioni del Dipartimento della Difesa, i rapporti sugli appalti della Difesa americana, i documenti societari della società e le interviste di coloro che hanno lavorato all'interno del programma di propaganda in Iraq. Complessivamente in Iraq lavoravano circa 300 dipendenti della Bell Pottinger, la maggior parte dei quali erano cittadini del Regno Unito e dell'Iraq.

Il Pentagono ha confermato la collaborazione con la Bell Pottinger nel quadro di operazioni di guerra psicologica e informativa degli Stati Uniti in Iraq, dicendo che i materiali prodotti dalla società erano "verosimili".

Secondo il giornale, l'Iraq è diventato fonte di profitti per molti società di pubbliche relazioni e mediatiche. Dal 2006 al 2008 circa 40 aziende erano coinvolte nella produzione di video, messaggi e sondaggi.

Correlati:

“Il dossier Chilcot aiuterà ad identificare i colpevoli della guerra in Iraq”
A Londra manifestazione di protesta per la campagna militare in Iraq di Blair
Guerra in Iraq, dossier Chilcot: Blair rischia il processo? Risarcimento per Baghdad?
L'inefficacia della lotta USA contro ISIS porta l'Iraq nell'orbita della Russia
Tags:
Terrorismo, Propaganda, Al Qaeda, Pentagono, Iraq, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik