12:21 25 Novembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca-5°C
    Maria Zakharova

    Zakharova commenta la dichiarazione di Kirby sulla minaccia terroristica in Russia

    © Sputnik. Anton Denisov
    Mondo
    URL abbreviato
    382245540

    Il portavoce ufficiale del Ministero degli esteri russo Maria Zakharova ha commentato la dichiarazione del Dipartimento di stato americano sulla possibilità di attacchi terroristici alle città russe nel caso in cui il conflitto in Siria non sarà risolto.

    In precedenza, il portavoce del Dipartimento di stato John Kirby aveva messo in guardia la Russia da possibili attacchi estremistici alle sue città e dalle perdite militari in Siria. Il diplomatico americano ha dichiarato che, se la guerra civile siriana andrà avanti, gli estremisti approfitteranno del vuoto di potere espandere le loro attività. Mentre la Russia continuerà a perdere unità, a rimpatriare i suoi soldati nei sacchi per cadaveri.

    "Ma le sembra che un simile ventriloquio sui cadaveri nei sacchi, gli attentati nelle città russe e la pedita di aerei somigli più ad un ordine che ad un commento diplomatico?" ha scritto la Zakharova sulla sua pagina di Facebook.

    La Zakharova ha anche chiesto di quali estremisti parli il Dipartimento di stato americano, se sono per caso legati alla cosiddetta opposizione moderata siriana.

    Il vice ministro degli esteri russo Sergej Ryabkov, a sua volta, ha condannato le parole di Kirby, definendole una "esplosione emotiva"dovuta all'incapacità di Washington di adembiere agli accordi sulla Siria. Inoltre ha precisato che la dichiarazione sui possibili attentati dimostra la bassezza politica dell'attuale amministrazione Usa.

    Correlati:

    Zakharova risponde alle accuse di Johnson
    Zakharova sui dati Almaz Antey: "i parenti delle vittime aspettano la verità"
    Zakharova risponde alla Power: vada in Siria ad imparare cos’è la vergogna
    Tags:
    Dichiarazione, commento, Minaccia terrorismo, terrorismo, Situazione in Siria, Maria Zakharova, John Kirby, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik