21:58 23 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 8°C
    Macerie del Boeing MH17 malese

    Cremlino: attorno al disastro del volo Malaysia Airlines MH17 ruotano troppe speculazioni

    © AFP 2017/ Bulent Kilic
    Mondo
    URL abbreviato
    111328130

    Le indagini sul disastro del volo Malaysia Airlines MH17, avvenuto nel Donbass nel 2014, sono corredate da molte speculazioni. Lo ha dichiarato il portavoce del presidente russo, Dmitrij Peskov.

    "Tutta questa storia è contornata, purtroppo, da un'enorme quantità di speculazioni, informazioni inqualificabili e poco professionali. È contornata dall'occultamento delle informazioni da parte di una serie di stati, dei dati dei radar" ha detto Peskov.

    Egli ha sottolineato che la Russia ha consegnato tutte le informazioni in suo possesso relative alla catastrofe.

    "Ma noi con dispiacere abbiamo sempre evidenziato che non tutti i paesi hanno concesso queste informazioni. Alcuni paesi continuano, per esempio, a non concedere i dati radar" ha aggiunto Peskov.

    "Esistono dei punti di vista completamente diversi; professionali, ma anche fatti inconfutabili. Senza dubbio è importante trarre delle conclusioni, tenendo conto delle ultime notizie rilasciate dai nostri militari: i dati radar originali, che mostrano tutti i velivoli e gli oggetti nello spazio aereo del terrirorio controllato in quel momento dalla milizia popolare."

    Secondo Peskov, i dati sono univoci e non mostrano la presenza di missili. "Se ci fosse stato un missile, allora sarebbe stato sparato da un altro territorio. Non sono io a sostenerlo, ma gli specialisti. Non si tratta di un'ipotesi, ma di dati univoci."

    Correlati:

    Indagine: BUK che ha abbattuto il volo MH17 "portato dalla Russia"
    Volo MH17, l’accusa di Mosca: Kiev sta sviando le indagini
    Disastro MH17, Almaz Antey rivela i dati per scoprire cosa avvenne nei cieli del Donbass
    Tags:
    speculazioni, Indagine, Disastro volo MH17, Cremlino, Dmitry Peskov, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik