19:18 24 Maggio 2019
Combattenti dell'opposizione siriana

L’opposizione siriana vuole l’interruzione dei negoziati

© AFP 2019 / AMER ALMOHIBANY
Mondo
URL abbreviato
19118

Per l’opposizione siriana non ha senso portare avanti il processo di negoziazione, mentre continuano i bombardamenti. Lo riporta un comunicato congiunto ha detto che una dichiarazione congiunta della Coalizione nazionale siriana delle forze dell'opposizione e della rivoluzione, e dell’Esercito siriano libero.

«Il processo di negoziazione nella situazione attuale è inutile e non ha senso in termini di bombardamenti, uccisioni e distruzione» affermano più di 30 gruppi armati che fanno parte dell'Esercito siriano libero (ESL).

L'ESL è l'ala militare della cosiddetta opposizione moderata che sta combattendo contro le truppe governative del presidente Bashar Assad. Oggi sotto la bandiera dell'ESL si riuniscono oltre 60 drappelli. L'organizzazione non ha una vera e propria struttura e i suoi vari rappresentanti rilasciano spesso dichiarazioni incoerenti e spesso contraddittorie. Secondo l'intelligence militare siriana, quasi tutti i drappelli sono alleati o sottomessi al gruppo terroristico al-Nusra.

«Non accettiamo che la Russia sia il curatore dei negoziati perché è alleato del regime nei suoi crimini» ha aggiunto l'opposizione.

L'opposizione siriana ha ripetutamente accusato l'aeronautica militare russa e l'esercito governativo degli attacchi sui civili. Tuttavia, tali accuse non hanno trovato conferma. Mosca e Damasco, dal canto loro, hanno ripetutamente dichiarato che gli attacchi sono sempre effettuati sugli obiettivi dei terroristi e dopo accurate rilevazioni.

Nella notte tra il 16 e il 17 settembre gli aerei della Coalizione a guida americana, in violazione degli accordi, hanno bombardato una postazione dell'esercito siriano, uccidendo più di 60 soldati.

Dal 12 settembre è entrato in vigore un nuovo pacchetto di accordi russo-americani per il cessate il fuoco in Siria. La tregua è durata sette giorni, e il 19 settembre non è stata prorogata.

Il Ministero della difesa russo ha rivelato che il cessate il fuoco è stato osservato solo dalle forze armate siriane, mentre si sono registrate violazioni da parte dei guerriglieri. Il comandante della direzione operativa dello stato maggiore, generale Sergei Rudskoy, ha dichiarato per la Russia l'osservazione della tregua solo dall'esercito siriano non ha senso.

 

Il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov il 23 settembre ha annunciato che la Russia ha portato all'attenzione degli Usa circa 300 casi di violazione del cessate il fuoco in Siria da parte dei militanti, tra cui ad Aleppo e Homs. Secondo Lavrov, si tratta di violazioni da parte di un certo numero di gruppi d'opposizione, i cui nomi sono noti alla Russia perché presenti nella lista di quelle strutture che hanno aderito al cessate il fuoco.

Correlati:

USA non sono in grado di separare l'opposizione dai terroristi in Siria
Siria, gruppi terroristici utilizzano opposizione riconosciuta da Usa per eludere attacchi
Opposizione siriana si schiera con i curdi e critica raid di Turchia e coalizione USA
Tags:
Negoziati, cessate il fuoco, violazioni, Situazione in Siria, Esercito siriano libero, Opposizione siriana, USA, Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik