Widgets Magazine
19:39 16 Ottobre 2019
Agricoltura

Crimea, il blocco alimentare ucraino ha fatto rinascere l’agricoltura

© Sputnik . Alexei Nasirov
Mondo
URL abbreviato
4540
Seguici su

Il vice governatore della Crimea Mikhail Sheremet ha dichiarato che l'anno il blocco dei generi alimentari da parte dell'Ucraina ha fortemente stimolato lo sviluppo dell'agricoltura nella penisola.

Ieri i leader dell'organizzazione estremista «Majlis del popolo tartaro di Crimea» hanno organizzato una marcia al confine con la Crimea dedicata all'anniversario del blocco dei generi alimentari.

«Li ringrazio per questo blocco, perché siamo stati in grado di riorientare rapidamente i nostri affari verso la Russia continentale. Inoltre, abbiamo iniziato a sviluppare la nostra agricoltura, la nostra produzione, che è cresciuta di diverse volte proprio grazie all'istituzione di questo blocco» ha detto Sheremet a RIA Novosti.

Secondo Sheremet, gli organizzatori del blocco sono riusciti a fare solo una cosa: uccidere l'agricoltura nella regione di Kherson che ha sempre rifornito di frutta e verdura i mercati della Crimea.

«Oggi vediamo crescere giardini bellissimi e i raccolti sono da record. Abbiamo dovuto abbandonare quelle coltivazioni, come il riso e il mais, che necessitano di molta acqua, ma le altre colture producono raccolti da record» ha spiegato Sheremet.

Il vice governatore crimeano ha aspramente commentato la manifestazione avvenuta lungo il confine con la Crimea e ha definito i suoi partecipanti dei regrediti.

 

«Mi dispiace solo che le persone degenerino. Sono delle persone regredite, ci spiace per loro, non posso avere compassione perché io non sono un medico… Penso che sono una clinica psichiatrica possa aiutarli» ha sottolineato Sheremet.

Correlati:

Delegazione di deputati italiani in Crimea dal 13 al 16 ottobre
Estremisti tatari ucraini bloccano il confine tra Crimea e Ucraina
Guardia nazionale russa difende colonia per bambini e reattore sperimentale in Crimea
Tags:
Manifestazione, sviluppo, agricoltura, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik