12:04 05 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
21422
Seguici su

Il direttore dell'FBI James Comey conferma che la candidata dei Democratici alla Casa Bianca Hillary Clinton, quando era segretario di Stato, ha mostrato "gravi leggerezze" relativamente alle informazioni segrete, segnala la ABC.

L'FBI ha pubblicato 189 pagine di documenti relativi al caso "mailgate" in cui, in particolare, emerge che durante uno dei suoi viaggi in Russia l'assistente della Clinton in violazione di tutte le norme ha portato un plico di documenti segreti nella sua camera d'albergo. Dopo che la Clinton e il suo assistente avevano lasciato la stanza, la security dei diplomatici americani ha trovato documenti coperti dal segreto di stato.

L'ex capo della diplomazia americana viene criticata per l'utilizzo del suo account personale di posta elettronica per la gestione della corrispondenza di lavoro: avrebbe potuto in questo modo nascondere le sue attività agli organi di controllo e allo stesso tempo mettere a rischio dati sensibili in caso di attacchi hacker.

Recentemente Comey ha detto che l'FBI non ha incriminato la Clinton perché "in questo caso non ci sono gli estremi penali."

Correlati:

USA, Hillary Clinton all’FBI: non ricordo le istruzioni sulle informazioni segrete
Emailgate, FBI scagiona Hillary Clinton. Critiche da Congresso, ciclone Trump
Emailgate, Clinton interrogata oltre 3 ore dall'FBI. Candidatura a rischio?
Tags:
Scandalo, FBI, Hillary Clinton, James Comey, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook