00:34 16 Giugno 2019
Tayyip Erdogan

Siria, Erdogan: metà delle armi consegnate dagli USA ai curdi finite nelle mani di ISIS

© REUTERS / Kayhan Ozer
Mondo
URL abbreviato
356

La metà delle armi che gli Stati Uniti 3 giorni fa hanno consegnato alle forze curde siriane sono ora finite nelle mani dei terroristi del Daesh, ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

"Tre giorni fa sono atterrati tre aerei con armi americane per le forze curde siriane nei pressi della città di Kobani. La metà di queste armi sono ora nelle mani dei terroristi di ISIS. Avevamo avvertito Obama, ma non siamo riusciti a convincerlo. Ora purtroppo giocano allo stesso gioco. Queste scelte non porteranno risultati concreti, ma faranno solo proseguire lo spargimento di sangue in Siria", — ha affermato Erdogan.

Secondo il capo di Stato turco, per Ankara è difficile capire le ragioni che spingono Washington a sostenere le forze di autodifesa curde siriane, che la Turchia considera organizzazioni terroristiche legate al PKK (Partito del Lavoratori del Kurdistan) che opera nella clandestinità in Turchia.

"Ci viene detto che combattono contro lo "Stato Islamico". Ma Al-Nusra non combatte contro ISIS? Allora perché non lo appoggiano e lo hanno messo nella lista dei terroristi? Dove è la logica? Perché non riconoscere come terroristi quelli che dice Ankara?", — ha detto Erdogan.

Correlati:

Turchia, i curdi non dovrebbero essere il fulcro delle operazioni contro il Daesh
Turchia lancia ultimatum ai curdi in Siria
Opposizione siriana si schiera con i curdi e critica raid di Turchia e coalizione USA
In Siria le forze turche accusano le prime perdite per la resistenza dei curdi
Tags:
ISIS, Curdi, Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, PKK, Recep Erdogan, Siria, Turchia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik