14:48 09 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
516
Seguici su

Da anni non è un segreto che la libido in Giappone sia in calo. I sociologi lo vanno ripetendo da alcuni anni ed i dati non infondono fiducia per il futuro.

Nel 2011 i risultati di una ricerca del Japan's National Institute of Population and Social Security avevano fotografato una situazione piuttosto preoccupante: il 61% degli uomini scapoli ed il 49% delle donne nubili di età compresa tra 18 e 34 anni non aveva relazioni di nessun tipo. Anche gli altri giapponesi, che sono stati fortunati abbastanza da innamorarsi e mettere su famiglia, dopo un pò smettono di provare attrazione per il loro partner. Molti di loro dicono di preferire i loro hobby alle relazioni intime. Anche per questo motivo il Giappone sembra sprofondare sempre di più in una crisi demografica senza via di uscita e potenzialmente peggiore anche della stessa crisi economica.

Stiamo pur sempre parlando della terza economia del mondo, perciò la situazione appare decisamente preoccupante, come sottolinea Ivan Beloborodov, direttore dell'Istituto Russo di Indagini Strategiche:

— Il Giappone è uno dei paesi più vecchi al mondo, con una tra le più alte quantità di over 65. In numeri questo significa una seria minaccia al sistema pensionistico ed al ricambio generazionale necessario in alcuni settori cruciali, come la difesa militare. Non c'è dubbio che tutto questo poi si rifletta negativamente anche sull'economia del paese, sottoforma di mancanza di risorse umane, che nel futuro prossimo renderanno necessaria una robotizzazione di massa dello spazio sociale e di tutti i settori produttivi. Con un tasso di natalità di 1,2 neonati per donna, il crack demografico può arrivare nel giro di quattro generazioni. In Giappone, come in altri paesi del mondo, tutto questo deriva dall'apoteosi della cultura del consumo e del carrierismo sfrenato, che ha messo in secondo piano valori come la famiglia ed i bambini.

Un'indagine condotta dalla nota azienda produttrice di preservativi Durex ha relegato il Giappone all'ultimo posto nella categoria "Quantità di rapporti sessuali in un anno". In 12 mesi i sudditi del Sol Levante "lo hanno fatto" 45 volte. I loro vicini di Singapore invece quasi due volte di più. La statistica è ancora più triste se si considera che i dati sono del 2005 e negli ultimi due lustri difficilmente la situazione è cambiata per il meglio. Ma è davvero tutta colpa della carriera e della paura di perder tempo inutilmente nei corteggiamenti?

 

— Il Giappone è uno dei paesi che consuma maggiormente prodotti pornografici — spiega Beloborodov. La pornografia accompagna i giapponesi praticamente ovunque, dai manga alle varie applicazioni sugli i-phone. In Russia invece di recente sono stati chiusi due dei più popolari siti pornografici al mondo. Credo che sia una scelta giusta. Le persone devono riscoprire il vero piacere di relazionarsi con l'altro sesso dal vivo e non nella realtà virtuale. 

Nella vicina Corea del Sud la situazione è ugualmente critica, perchè il governo nazionale sembra aver decisamente scelto la strada dell'ideologia del genere, creando un ministero apposito: 

— In Corea del Sud esiste un ministero delle politiche di genere. Gli ideologi della teoria del gender ritengono che non sia importante il sesso di nascita di una persona: se maschio o femmina fa poca differenza. Conta soltanto la sua autodefinizione. Esiste un solo sesso, quello sociale e tutti gli altri elementi biologici non hanno importanza. Secondo me — conclude Beloborodov — questa è la strada diretta che porta al rifiuto della famiglia. In Giappone la situazione non è poi così diversa: in alcuni distretti di Tokio sono già attivi uffici per la legalizzazione delle unioni tra persone dello stesso sesso.Probabilmente questa procedura riguarderà tutto il paese a breve.  

Il fenomeno della scomparsa della libido nel Sol Levante è già stato ribattezzato "la sindrome del celibato". A differenza delle società europee in Giappone i rapporti intimi non sono mai stati considerati un peccato. Riuscirà il Giappone a convincere i suoi cittadini a spegnere il telefono ed al posto di cacciare i Pokemon, dedicarsi alla ricerca di un partner?

Meglio i pokemon dei bebè?
© Sputnik .
Meglio i pokemon dei bebè?

Correlati:

A Vladivostok Russia e Giappone lavorano insieme. E l’Europa?
I motivi che hanno spinto il Giappone al disgelo con la Russia
Corea del Nord lancia 3 missili balistici verso il Mare del Giappone
Tags:
Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook