05:08 18 Luglio 2018
Soldati siriani

Anche la Gran Bretagna ammette di aver bombardato le forze di Assad

© REUTERS / SANA/Handout
Mondo
URL abbreviato
37636

Il ministero della Difesa britannico ha confermato di aver preso parte all'attacco aereo della coalizione internazionale guidata dagli USA contro le forze governative in Siria.

In un comunicato del dicastero militare, citato dalla Associated Press, si afferma che la Gran Bretagna "sta pienamente cooperando con l'inchiesta della coalizione" aperta a seguito dell'incidente.

In precedenza gli Stati Uniti avevano confermato il raid, esprimendo "rammarico" per la morte dei militari siriani. Il Pentagono ha rilevato che nell'attacco aereo erano finite per sbaglio nel mirino le posizioni dell'esercito siriano, ma il vero obiettivo erano i terroristi.

Il dicastero della diplomazia russa ha osservato che questo tipo di "errori" da parte della coalizione sembrano più cooperazione e sostegno a beneficio dei terroristi di ISIS.

Correlati:

Washington Post: in Siria la Russia ha dato una lezione agli USA e Obama
Esercito siriano annuncia la scadenza della tregua
La Danimarca ammette di aver partecipato al raid contro l'esercito siriano
“L'errore in Siria potrebbe costare molto caro agli USA”
Tags:
Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Bombardamenti in Siria, Esercito della Siria, Coalizione USA anti ISIS, Gran Bretagna, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik