01:35 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Paracadutisti dell'esercito russo

    Gli USA non avrebbero speranze in un conflitto contro la Russia

    © Sputnik. Vitaliy Belousov
    Mondo
    URL abbreviato
    12572

    Gli strateghi dell'esercito USA ritengono che uno scontro diretto con la Russia potrebbe avvenire entro i prossimi cinque anni. Lo rivela il direttore del Lexington Institute Lauren Thompson in un articolo per la rivista Forbes.

    L'esperto suggerisce che l'ipotetica guerra con la Russia sarà legata al più rapido progresso delle truppe di terra per tutta l'estensione del territorio. La sconfitta in questo conflitto è un elemento cardine dell'equilibrio geopolitico in Europa e la riduzione al minimo dell'influenza degli USA dall'inizio della seconda guerra mondiale. E, secondo Thompson, la disfatta è il risultato più probabile.

    La nefasta previsione per l'America è legata a diversi fattori: si tratta di errori di calcolo strategici dei precedenti presidenti — George W. Bush e Barack Obama — e la mancanza di fondi per le forze armate. Per Thompson, l'errore di Bush è stato il ritiro dall'Europa di due brigate pesanti, mentre quello di Obama è la scommessa sulla regione Asia-Pacifico che ha portato alla diminuzione della presenza militare nel Vecchio Continente.

    Thompson ha evidenziato che l'esercito americano non riceve finanziamenti sufficienti, soprattutto se confrontati con i programmi di ammodernamento russi. Le Forze Armate degli USA ricevono ogni anno dal bilancio federale 22 miliardi di dollari, mentre la Russia ha varato un bilancio decennale di 700 miliardi di dollari, la maggior parte investita nello sviluppo delle forze terrestri e aeree.

    I fattori descritti portano Thompson a credere che l'esercito americano rischia di perdere la guerra europea, e articola la sua tesi in diversi punti.

    La Russia gode del vantaggio geografico. Le battaglie si svolgeranno infatti sul territorio dell'Europa orientale, distanti dai principali punti di sbarco delle truppe americane in Europa. Inoltre, questa parte dell'Europa è bagnata dai mari che sono accessibili solo attraverso gli stretti che la Russia sarà in grado di controllare con facilità.

    L'esercito americano è impreparato per un simile conflitto, aggiunge Thompson. In Europa sono rimaste solo due brigate fisse che, se non saranno rafforzate, sarà facile per la Russia sbaragliarle. Di recente la Casa Bianca ha deciso di mettere una terza brigata di rotazione in Europa, allo stesso tempo, si è deciso di inviare un migliaio di soldati in Polonia e in ciascuno dei Paesi Baltici, ma da tutti i problemi non sono stati azzerati. La geografia della regione suggerisce anche che la maggior parte delle forze navali USA ed i fondi saranno tagliati fuori dal teatro di guerra, aggiunge l'esperto. La Russia ha basi militari nella regione di Kaliningrad sul Mar Baltico e Sebastopoli sul Mar Nero, il che rende l'ingresso della flotta americana nella zona circostante estremamente pericolosa. La US Air Force, a sua volta, può essere esclusa dalla zona di conflitto con l'aiuto della contraerea russa.

     

    Correlati:

    Comandanti forze armate USA in coro: impreparati a sostenere guerra con Russia e Cina
    USA aumenteranno lo spionaggio sulla Russia come ai tempi della guerra fredda
    Nuovi missili aria-aria, dove Russia e Cina possono colpire il punto debole degli USA
    Tags:
    Conflitto, Guerra, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik