05:26 25 Giugno 2019
La campionessa olimpica statunitense Simone Biles

Cremlino nega coinvolgimento in attacco hacker che mostra placet Wada a doping USA

© AFP 2019 / Thomas Coex
Mondo
URL abbreviato
5200

Dmitry Peskov, il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, ha dichiarato che Mosca non è coinvolta nell'attacco hacker che ha violato il database dell'Agenzia Mondiale antidoping (WADA).

"Non si può parlare di nessun coinvolgimento della Russia, è escluso categoricamente" — RIA Novosti riporta le dichiarazioni di Peskov.

Ricordiamo che il gruppo hacker Fancy Bear ha pubblicato il contenuto del database della WADA. Dai documenti emerge che l'agenzia internazionale antidoping ha permesso alle tenniste americane Venus e Serena Williams, alla campionessa olimpica americana di ginnastica Simone Biles e alla cestista statunitense Elena Delle Donne di far uso di sostanze dopanti proibite dai regolamenti.

Inoltre, secondo i documenti, la cestista Delle Donne e la ginnasta Biles sono risultate positive ad un test antidoping di agosto, mentre sui media infuriava lo scandalo doping contro la Russia montato dalla stessa WADA: tuttavia le atlete non sono state escluse dalle Olimpiadi di Rio, dove hanno vinto l'oro.

Il direttore generale della WADA Olivier Niggli ha confermato che gli hacker hanno illegalmente ottenuto l'accesso alle banche dati dell'agenzia. Secondo lui, la polizia sospetta che i pirati informatici siano russi.

Correlati:

I direttori di 17 agenzie anti-doping chiedono di riformare la WADA
WADA delusa da mancata esclusione della Russia da parte del CIO
Doping, rapporto WADA contestato: non è obiettivo
Comitato Olimpico russo accusa la Wada di complotto
Tags:
hacker, Cremlino, Sport, doping, Olimpiadi - Rio de Janeiro 2016, Scandalo, WADA, Elena Delle Donne, Simone Biles, Venus Williams, Serena Williams, Dmitry Peskov, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik