17:32 19 Maggio 2019
Direttore del WADA Craig Reedie

I direttori di 17 agenzie anti-doping chiedono di riformare la WADA

© REUTERS / Denis Balibouse
Mondo
URL abbreviato
534

I direttori delle agenzie anti-doping di 17 Paesi hanno espresso la necessità di riformare l'Agenzia mondiale antidoping (WADA) sullo sfondo dei recenti scandali doping, riferisce la BBC.

Tra i sostenitori delle riforme figurano i rappresentanti delle agenzie anti-doping di Stati Uniti, Germania e Regno Unito.

Tra le riforme proposte al vertice di Copenaghen risultano: dare alla WADA maggiore autonomia, affinchè i suoi dirigenti non possano contemporaneamente ricoprire altre posizioni in altre organizzazioni sportive. Per esempio l'attuale direttore della WADA Craig Reedie è anche il vicepresidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

In una dichiarazione congiunta i vertici delle agenzie anti-doping hanno sottolineato che ora si trova ad un bivio la lotta per uno sport "pulito".

In precedenza avevano sostenuto la necessità di riformare la WADA i delegati della sessione del CIO svoltasi a Rio de Janeiro. All'interno della WADA a loro volta hanno fatto sapere di essere pronti a "rivedere il sistema anti-doping".

Correlati:

WADA delusa da mancata esclusione della Russia da parte del CIO
Doping, rapporto WADA contestato: non è obiettivo
Doping, Russia al contrattacco: dossier McLaren è falsificato
Tags:
Sport, doping, WADA, Craig Reedie
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik