Widgets Magazine
13:45 22 Luglio 2019
Spratti, embargo alimentare

La Russia vieta agli enti pubblici di acquistare alimentari importati

© Fotolia / Photosiber
Mondo
URL abbreviato
6330

Il governo russo ha approvato una lista di 23 prodotti alimentari il cui acquisto sarà vietato per gli enti statali e municipali. Il testo integrale del decreto è stato pubblicato sul sito internet del Consiglio dei Ministri.

Il decreto entrerà in vigore il 3 settembre. L'elenco comprende prodotti a base di pesce, prodotti a base di carne (manzo, maiale, pollame, vitello e frattaglie), latte, burro, formaggio e perfino riso, sale e zucchero.

La limitazione degli acquisti agli enti pubblici dei prodotti importati si baserà sul seguente principio: se non si presenteranno almeno due ordini per la fornitura di prodotti provenienti dai paesi dell'Unione economica eurasiatica, allora la richiesta di prodotti importati sarà respinta.

Come ha spiegato il ministro dell'Agricoltura Alexander Tkachev, la restrizione riguarda solo gli enti governativi, mentre i rifornitori commericiali non saranno toccati dalla nuova legge.

Il ministro ha aggiunto che le restrizioni non colpiranno la frutta e gli ortaggi, in quanto la Russia ne assicura solo un terzo.

In precedenza, il Ministero dell'Agricoltura aveva reso noto che il volume degli acquisti degli enti pubblici su singoli alimenti per la sfera sociale è il 4-13% del volume totale della produzione nel paese. Secondo gli esperti, il fabbisogno di cibo del settore sociale è di 650 mila tonnellate di carne, 1,5 milioni di tonnellate di latte e 350 mila tonnellate di pesce.

Correlati:

3° round tra Russia e Occidente: prosegue l'embargo agroalimentare di Mosca
Russia-Turchia, Ankara: prodotti turchi torneranno dopo sollevamento embargo
Russia, min. Agricoltura: non solleveremo embargo su prodotti turchi a breve
Tags:
generi alimentari, enti pubblici, acquisti, Prodotti alimentari, divieto, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik