03:04 16 Luglio 2018
Bombardiere russo Tu-22М3 durante raid in Siria

La profezia di Obama sulla Russia in Siria non si è avverata

© Foto : Ministry of defence of the Russian Federation
Mondo
URL abbreviato
31631

Un anno fa Barack Obama aveva dichiarato che la Russia in Siria si sarebbe trovata in una trappola, adesso è chiaro che la sua previsione non si è avverata. Lo scrive il Christian Science Monitor.

Invece la Russia ha ristabilito la sua posizione nella regione, nella quale nessuno ha sfidato gli USA per decenni.

Sostenendo Bashar Assad in Siria, Mosca ha esteso la sua influenza sull'Iran e la Turchia, e perfino sull'Arabia Saudita e Israele.

La Russia è riuscita in parte a riscostruire la sua autorità nel Medio Oriente grazie al fatto che di essersi preposta degli obiettivi circoscritti, a differenza degli USA in Iraq e Afghanistan.

"Gli interventi degli USA in Iraq e Afghanistan hanno cacciato il paese in un vicolo cieco a causa delle troppe ambizioni. Per la Russia in Siria è stato tutto più semplice e grazie a ciò conquista influenza nella regione", spiega la pubblicazione.

La Russia ha piani lungimiranti riguardo la sua crescente influenza. In particolare, secondo gli esperti, questo le consente di accordare le forniture di energia all'Europa attraverso la Turchia e verso l'India e il Sud-Est Asitico attraverso l'Iran.

Inoltre, la Russia in Siria ha avuto modo di dimostrare la potenza dei suoi bombardieri che comporta una crescita delle vendite di armamenti ai paesi del Medio Oriente.

Correlati:

“Coalizione di Russia, Cina, Iran e India può sconfiggere terrorismo in Siria in 1 anno”
Siria, forze governative soddisfatte dai caccia regalati dalla Russia usati ad Aleppo
Russia, Lavrov accusa gli USA: incapaci di dividere opposizione e terroristi in Siria
Tags:
influenza, Operazioni militari, lotta contro il terrorismo, Situazione in Siria, Barack Obama, Medio Oriente, Iran, Iraq, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik