20:30 22 Agosto 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 27°C
    L'inaugurazione del monumento all'imperatrice Caterina II in Crimea

    In Crimea rivive statua di Caterina II a quasi 1 secolo dall'abbattimento

    © Sputnik. Max Vetrov
    Mondo
    URL abbreviato
    15608191

    Il monumento dedicato all'imperatrice Caterina II è stato inaugurato oggi in uno dei parchi centrali di Simferopoli, quasi 100 anni dopo lo smantellamento della statua ordinato dai bolscevichi.

    Alla cerimonia hanno preso parte il presidente della Crimea Sergey Aksenov e il presidente del Parlamento regionale Vladimir Konstantinov.

    La statua dell'imperatrice era stata eretta nel 1890 nel parco della città (oggi Parco della Cultura e del Tempo Libero) in occasione del 100esimo anniversario di annessione della penisola all'Impero Russo. Tuttavia nel 1921 il monumento è stato distrutto dalle autorità sovietiche. All'inizio del 2000, sul luogo dove una volta si trovava il monumento, era stata posta una targa commemorativa. I lavori per la ricostruzione della statua sono iniziati dopo la riunificazione della Crimea con la Russia con il sostegno di una fondazione privata.

    Prima dell'apertura del monumento sono suonati gli inni della Russia e della Crimea.

    "Quello di oggi è un evento molto importante per la Crimea. Ripristiniamo la giustizia storica, facciamo rivivere il monumento dedicato alla grande imperatrice russa, che ha dato un contributo determinante alla storia dello Stato russo e alla storia della Crimea, dal momento che anche nel XVIII secolo la Crimea era entrata a far parte dell'Impero Russo," — ha evidenziato Aksenov.  

    Correlati:

    Trump sicuro, i cittadini della Crimea vogliono stare con la Russia
    In Crimea sicuri, fallito l'isolamento internazionale
    "Se la Crimea non si fosse riunita con la Russia ora ci sarebbe la guerra"
    L’Europa aggira le sanzioni e continua a fare affari con la Crimea
    Tags:
    Cultura, Storia, Monumento, Caterina II, Sergej Aksenov, Crimea, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik