00:58 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
17392
Seguici su

Oggi il giornalista Luigi Salsini ha intervistato il Rabbino Capo della Russia Berel Lazar che si trova a Santa Maria del Cedro in Calabria.

Le sanzioni presto cadranno e sarà un bene per tutti


Berel Lazar nasce a Milano il 19 maggio 1964. Il padre era il Rabbino della comunità europea del capoluogo meneghino. Nel 1978 si iscrive al Rabbinical College of America di Morristown, New Jersey. Nel 1982 prosegue gli studi presso la Central Lubavitch Yeshiva di New York dove è ordinato Rabbino nel 1988.

Nel 1991 Berel Lazar è Rabbino della Sinagoga di Maryina Roshcha, nella regione di Mosca. Nei primi anni novanta prende parte alle attività del Congress of the Jewish Religious Organizations and Associations in Russia e nel 1996 partecipa attivamente alla fondazione del Russian Jewish Congress. Dal 1995 Lazar è presidente del Rabbinical Alliance of the Commonwealth of Independent States (CIS). Alla prima seduta del Russian Jewish Congress, aperta il 15 novembre 1999, viene nominato Rabbino Capo della Russia.

Il 29 maggio 2000 il Rabbino Berel Lazar ottiene la cittadinanza russa, mantenendo quella statunitense. Nel 2001 il presidente russo Vladimir Putin lo inserisce nel Consiglio presidenziale per l'interazione con le organizzazioni religiose.

Il 2 giugno 2002 alla riunione fondativa a Mosca del Congresso internazionale degli ebrei russofoni Lazar viene investito del titolo di presidente dell'organizzazione. Uno dei suoi compiti è informare la comunità internazionale sulla situazione della comunità ebraica in Russia e contrastare gli enti governativi che manifestano antisemitismo.

Sotto la guida spirituale del Rabbino Berel Lazar oggi vivono le comunità ebraiche di oltre 350 città della CSI, operano scuole e asili nazionali, in decine di città lavorano rabbini, sinagoghe e organizzazioni di beneficenza.

Con il decreto presidenziale del 30 marzo 2004, il Rabbino Berel Lazar è stato insignito dell'Ordine dell'Amicizia "per i suoi meriti nello sviluppo della cultura spirituale e il rafforzamento dell'amicizia tra i popoli". La cerimonia si è svolta il 25 giugno dello stesso anno al Cremlino alla presenza del presidente Putin.

Correlati:

L’Europa aggira le sanzioni e continua a fare affari con la Crimea
Russia, Nikolic: Belgrado non si unirà a sanzioni contro Mosca
Wolff: sanzioni contro la Russia sono strumento USA per indebolire l’UE
Tags:
Intervista, Sanzioni, rabbino, Cooperazione economica, Parere personale, Economia, Sanzioni alla Russia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook